A VOLTE RITORNANO… DIPENDENTI BOOMERANG, I PRO E I CONTRO

Non solo dimissioni. In Usa e Uk sta prendendo sempre più forma un nuovo trend: quello dei dipendenti di ritorno. Riassumerli o no?

Questa la domanda che molti Hr manager si stanno facendo. Ci sono tanti vantaggi, ma anche alcuni passaggi che richiedono grande cautela.

L’erba del vicino non sempre è verde come sembra. Così capita che i dipendenti usciti dall’azienda perché insoddisfatti del clima, dello stipendio, degli scarsi stimoli, della bassa motivazione, della debole cultura aziendale, a un certo punto decidano di tornare all’ovile.

Un trend che di questi tempi sta tornando prepotentemente in auge, soprattutto negli States e nel Regno Unito, guarda caso i paesi da dove, più di un anno fa, è partita l’ondata delle dimissioni volontarie che sta arrivando anche in Italia. In base a quanto scritto su Fast Company da Abakar Saidov, Cofondatore e CEO di Beamery, piattaforma inglese di management, in un recente sondaggio condotto su 5.000 dipendenti americani e inglesi, il 75% ha espresso interesse a mantenere i contatti con il precedente datore di lavoro dopo le dimissioni.E non è un caso che un attento osservatore del mercato del lavoro come Anthony Klotz, lo psicologo aziendale e professore alla A&M University in Texas, padre del termine “Great resignation“, ha dichiarato che la prossima grande tendenza destinata a travolgere gli Hr manager sarà proprio l’assunzione dei “dipendenti boomerang“.

A volte ritornano

Nulla di nuovo, per carità, i dipendenti che fanno ritorno nelle organizzazioni da cui erano usciti ci sono sempre stati, ma la novità in questo caso, sta nei numeri. Se anche in Italia dovesse succedere quello che sta capitando nei paesi anglosassoni le direzioni delle risorse umane si troverebbero difronte a un grande dilemma da gestire: riassumere o non riassumere?

Eric Swenson, esperto di strategie Hr, in un suo recente articolo pubblicato su Linkedin, sostiene che riassumere un ex dipendente potrebbe essere un’ottima scelta in un momento in cui i talenti scarseggiano sul mercato, purché si faccia però un’accurata selezione.Come dire che la convenienza se riaccoglierli in azienda o meno dipende dalla persona, dal suo carattere e da come è uscito dall’azienda precedentemente. Ma non basta.

Dipendenti di ritorno, i vantaggi  

Indubbiamente nel riassumere un dipendente boomerang ci sono numerosi vantaggi da tenere in considerazione a cominciare dal fatto che conoscono già l’azienda e quest’ultima conosce loro. Una familiarità che si trasforma in un ottimo vantaggio soprattutto nella fase iniziale di inserimento sul posto di lavoro.

E questo significa anche limare di molto il tempo dedicato alla formazione. In base al periodo trascorso dalla loro fuoriuscita potrebbero, infatti, aver bisogno solo di un breve aggiornamento su politiche e procedure. Il che, di questi tempi, rappresenta un innegabile beneficio per l’impresa.

In più va considerato che i dipendenti di ritorno possono anche portare una nuova prospettiva all’organizzazione del lavoro e al business imprenditoriale grazie all’ esperienza fatta all’ esterno. Una contaminazione di idee che si traduce in un arricchimento da non sottovalutare in un quadro economico dove velocità e innovazione rappresentano le chiavi della competitività internazionale per ogni società.

Così come il fatto che riportare a bordo un ex dipendente può avere ricadute positive sulla fidelizzazione delle altre risorse e sul loro engagement. Fattore quest’ultimo sempre più strategico per gli Hr manager visto che dipendenti opportunamente ingaggiati possono migliorare elementi chiave quali: produttività, frequenza, attenzione nei confronti dei clienti, soddisfazione e fidelizzazione anche da parte dei colleghi.

Gli svantaggi di riassumere ex dipendenti

Ma come sempre c’è anche l’altro piatto della bilancia, quello dei fattori che un’azienda deve tenere ben in considerazione prima di riassumere un ex dipendente.

A cominciare dall’analisi approfondita delle motivazioni che lo hanno portato a dare le dimissioni in passato. Qualunque sia stata la motivazione, dal trattamento economico alla cultura aziendale; dalla funzione che stava ricoprendo alla mancanza di un piano di carriera concordato con l’azienda, se il problema persiste e non viene affrontato durante il colloquio iniziale, il rischio è che resti comunque un lavoratore insoddisfatto e che prima o poi se ne vada nuovamente. Per questo è molto importante riconoscere apertamente fin da subito i problemi o le preoccupazioni che lo hanno spinto ad andarsene e stabilire cosa sarà diverso questa volta – da entrambe le parti.

Un altro aspetto che le imprese dovrebbero analizzare con attenzione è come gli ex dipendenti hanno lasciato l’azienda in precedenza. Questo può voler dire molto sul carattere della persona, sulla sua lealtà, sul modo che ha di interfacciarsi con gli altri.

Nell’ottica poi di assumere le persone giuste per gli obiettivi strategici aziendali è bene anche consultare gli ex responsabili dei boomerang per avere un parere sui loro punti di forza e di debolezza professionali. Importante è anche considerare le esperienze fatte dal momento in cui sono usciti dall’azienda per verificare quali nuove competenze eventualmente si portano a casa. Non sempre un dipendente di ritorno è meglio di altri candidati.

Mai perdere di vista la visione d’insieme

E nel caso si decidesse di assumere un dipendente di ritorno è fondamentale fare in modo che l’ingresso della nuova risorsa non abbia ripercussioni negative sul resto del personale interno. E’ probabile, infatti, che le aziende offrano ai dipendenti di ritorno condizioni economiche più vantaggiose rispetto a quelle previste dal contratto precedente, motivate da un avanzamento di carriera, ma nel fare questo devono prestare attenzione a non alienare gli altri lavoratori ed evitare di lanciare il pericoloso messaggio che il modo migliore per avere avanzamenti di carriera o per migliorare il proprio stipendio sia quello di lasciare l’azienda per andare altrove. Questo non è tempo di turn over, ma di retention.

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...