CARRIERA NON LINEARE: I CONSIGLI PER VALORIZZARLA

LINEARE

Nuove prospettive per un percorso professionale sempre meno lineare

La rivoluzione digitale e l’ingresso, ormai prepotente, dell’AI nel mondo del lavoro sta letteralmente mandando in pensione alcune figure professionali per far spazio ad altre, aprendo la strada a un percorso sempre meno lineare. È il lavoro stesso, dunque, che impone cambiamenti ineluttabili nell’ottica di quell’evoluzione indispensabile per restare competitivi sul mercato.

Se aggiungiamo che le carriere sono più lunghe che in passato, con un’età pensionabile che si è spostata sempre più avanti e una qualità della vita che ci permette di essere produttivi più a ungo, allora forse abbiamo centrato i due elementi principali per spiegare la moltiplicazione di casi di carriere non lineari. In passato, una volta scelta un’azienda, questa restava – in molti casi – il posto di lavoro per la vita, la “ditta” dove lavorare per decenni senza mai guardare altrove, una sorta di seconda casa.

Oggi non solo l’azienda-per-sempre è un lontano ricordo, ma anche mantenere lo stesso settore o la stessa tipologia di ruolo sta diventando una scelta, che può essere intrapresa o meno.

Il mercato è assetato di nuove figure professionali che letteralmente non esistevano appena qualche decennio fa, dunque il campo è favorevole a una carriera non lineare.

Bisogna però volerlo ed essere ben preparati, perché il mercato non perdona. Apprendiamo di giovani che hanno iniziato a lavorare nell’azienda manifatturiera di famiglia, con l’originaria idea di diventare la nuova generazione di titolari, e poi si sono innamorati della terra e ora si dedicano a prodotti biologici. O anche manager di multinazionali dalla lunga esperienza che scelgono un percorso sideralmente diverso e si lanciano nella straordinaria avventura di una start up. Per non parlare del ciclone che comporta – quanto a discontinuità di carriera – la determinazione a cogliere un’opportunità nuova all’estero o la volontà di rientro in patria.

Il consiglio d’oro in tutti questi casi è la pianificazione.

Una pianificazione attenta, che tenga conto delle aspirazioni personali e degli spazi di mercato. Verificata la fattibilità dell’obiettivo, vanno identificati i requisiti mancanti per raggiungerlo e la strada per acquisirli, con una timeline ben precisa e realistica.

Va, inoltre, strutturato un CV ad hoc per valorizzare un percorso non lineare.

Le soft skills sono spesso il filo rosso da mettere in evidenza per chi voglia cambiare completamente mansione e settore perché quelle sono competenze trasversali, sempre valide e peraltro sempre più ambite. In questo senso, un curriculum funzionale può fare al caso nostro, mettendo in evidenza una logica di percorso, una certa continuità e le tappe di avvicinamento al nuovo obiettivo. Può tornare utile un breve cappello introduttivo al curriculum che si focalizzi totalmente su questo aspetto.

Oltre, quindi, al pre-requisito di una profonda consapevolezza di sé e del mercato, è essenziale preparare i propri strumenti di approdo, partendo dal più efficace cioè dalla rete di contatti che costituisce il miglior punto di paragone, nonché – non solo in Italia – la più importante risorsa per un nuovo collocamento. E poi flessibilità, determinazione, pazienza e costanza perché i più grandi risultati necessitano sempre di allenamento e piccoli passi di avvicinamento, compiuti giorno per giorno.

Wp_Admin

Wp_Admin

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...