Chiedi un aumento se… | Quando è bene farlo?

di Laura Aldorisio

Tra sé e sé il dipendente ne è convinto: è arrivato il momento. Dopo tanti anni di onorato servizio, però, non bisogna cadere in una scena fantozziana. Chiedere l’aumento è un’intenzione che non si può improvvisare.

Ci sono certe condizioni da rispettare e soprattutto non si può arrivare davanti al proprio capo con il fiato corto.

Essere nello stesso posto di lavoro da tanti anni e avere toccato e superato tanti traguardi non è necessario e sufficiente per richiedere alla società un esborso maggiore ogni mese.

Per essere sicuri della propria domanda davanti a un capo che sarà comunque interdetto nel 90% dei casi occorre essere sicuri di sé. Come? Bisogna farsi delle domande e scrivere le risposte.

  1. Sii cosciente del tuo valore su basi oggettive. Inizia dai dati: da quando sei in azienda quali obiettivi hai raggiunto? In che tempi? E ancora: sei stato un leader e un compagno dei tuoi colleghi? Su quali tue competenze l’azienda può davvero contare? Cosa puoi dire di sapere fare meglio di chi ti sta intorno? Cosa dovresti migliorare? Hai mai ricevuto feedback negativi sul tuo lavoro o il tuo comportamento? Ci sono alcune tue caratteristiche controproducenti?
  2. Chiedere un parere a una persona terza è sempre un aiuto inestimabile. Un’angolatura diversa amplia la visuale e rafforza sempre, anche quando sembra indebolire la propria opinione.
  3. Non basta guardare il passato. Rifletti sui tuoi prossimi passi. Dove vorresti essere fra cinque anni? In un ruolo più alto? Nello stesso ma con vantaggi più importanti? In una multinazionale o una realtà più piccola? Vorresti creare una tua società?
  4. Verifica quale sia il salario corrispondente alla tua posizione nel mercato del lavoro. Ci sono strumenti utili per questo tipo di benchmark, come ad esempio Salary. Sarà una delle azioni che il capo del personale o amministrativo farà quando arriverà sul suo tavolo la richiesta di aumento. Servirà a te come termine di paragone e non è detto che tu non possa superare la quota indicata come media di stipendio (nella proposta fai sempre riferimento all’aumento mensile e non annuale).
  5. Da ultimo fai una lista di tutti i tuoi successi così da essere inattaccabile alla prima domanda che arriverà puntuale:

Perché dovrei darti l’aumento?”: suonerà come una sfida o come un invito al confronto ma nessun timore.

Prima però di scendere in campo bisogna aver individuato due condizioni imprescindibili:

  1. Quando è il momento propizio: ormai lo conosci, sai che magari il lunedì il capo è intrattabile, che il martedì deve andare a prendere le bambine e quindi ha fretta e cose simili. Ragiona, individua, vai.
  2. Come rivolgersi al proprio responsabile: se è suscettibile, orgoglioso, timido è il caso di modulare i toni. Non essere impositivo o aggressivo. Semplicemente oggettivo.

 

Se la riposta è affermativa non ti rilassare: chiedi se devi firmare qualcosa o se e da quando questo cambiamento sarà realtà. Se la riposta è negativa contrattacca con la richiesta di benefit (anche su questo devi essere già preparato).

Infine, se proprio non ci sono margini e semplicemente desideri cambiare lavoro ma non sai come affrontare il Mercato, ricorda che c’è sempre qualcuno che può aiutarti 😉  Inizia a Scaricare la nostra Guida Gratuita “I 4 Pilastri per affrontare il Mercato del Lavoro”.

 

Se tutte queste condizioni coesistono, è ora di andare a bussare.

 

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

Longevity in azienda: 5 linee guida per iniziare a occuparsene
Longevity in azienda: 5 linee guida per iniziare a occuparsene

"I trend demografici riguardano sempre più le organizzazioni e la longevità è oggi al primo posto; è necessario che venga vista come una risorsa, piuttosto che come una criticità." Queste le parole di Alessandra Giordano direttore Employability e Career Development di...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Longevità al lavoro: le 5 mosse per farne un’opportunità
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...