EMPLOYABILITY: LA CHIAVE DEL FUTURO

employability

Sono sempre più frequenti le pubbliche dichiarazioni di grandi aziende che preparano e prevedono specifici percorsi di crescita per i propri lavoratori, come degli ascensori professionali per i talentuosi. E non solo le multinazionali.

Anche le imprese più piccole si stanno attivando in tal senso, per fare in modo che i collaboratori impegnati nella crescita dell’azienda possano vedersi valorizzati, pur sotto la forma di un riconoscimento di ruolo verticale. C’è un termine che sintetizza questo processo che porta vantaggio a entrambe le parti in questione, al responsabile di team e a chi lavora come dipendente: il termine è “soddisfazione”.Che il desiderio di crescere proprio della persona possa trovare reale corrispondenza in una forma, in un job title, significa – infatti – ottenere una soddisfazione professionale ed economica che è parte dell’appagamento personale e che, non c’è dubbio, fortifica l’engagement.

Ma non si deve cadere in una grande illusione: che la propria crescita, la propria soddisfazione sia appaltata alle decisioni del governo aziendale. Non è certo un terzo a decidere, veramente, fino in fondo, della nostra carriera. Può sembrare un’affermazione contraddittoria: nessuno si può promuovere da solo, nessuno si può affidare compiti che prima non gli appartenevano. Non si tratta di questo, ma di una crescita che è maggiore di quella dello “scatto di ruolo”: si chiama employability, quella consapevolezza di poter e dover essere sempre pronti rispetto alle nuove esigenze del mercato, al passo, interessanti e attrattivi per il mondo del lavoro di oggi.È un salto quantico rispetto a una mentalità abbastanza comune che prevede come una consequenzialità la crescita nel lavoro, anno dopo anno, responsabilità dopo responsabilità.

La persona deve e può rimanere al centro con i propri talenti, valori e priorità.

Tutto questo permette che sia il singolo a decidere se la sua vicenda debba seguire una linea retta, possa fare delle curve o muoversi in orizzontale perché la chiave resta l’individuo, che può sorprendere le logiche e i percorsi predefiniti.

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...