IL SENSO DEL LAVORO COME VOLANO PER LA PRODUTTIVITÀ

È una media, chiaramente, ma sono circa quaranta le ore che ognuno di noi trascorre impegnato nel lavoro.

Quaranta ore di lavoro. Un’infinità. Non si può, allora, distinguere la necessità di quel che si deve fare dal valore che ha. Un valore duplice che è, da una parte, personale e, dall’altra, aziendale.

Che il lavoratore possa avere l’opportunità di varcare la porta di ingresso con la consapevolezza di essere importante per l’azienda può cambiare la sua reale produttività sul lavoro. Non è vero, infatti, che nessuno è necessario, che per tutti si può trovare una perfetta alternativa. Una simile consapevolezza è direttamente proporzionale al senso di appartenenza che l’azienda esprime e che il dipendente sa assumere. Il senso di appartenenza a una storia, che richiede la propria attività, coinvolge più aspetti della persona: un legame, il senso delle cose che si hanno tra le mani, la potenza della comunicazione.

Un legame che permette una certa sincerità, la schiettezza e la libertà che confluiscono nel fiume della creatività, della produttività del lavoro, dell’assumersi un rischio.

Solo forte di un sentire comune, il lavoratore potrà mettere in campo delle responsabilità, introdurre delle innovazioni, fare proposte dirompenti rispetto al mainstream.

Spesso si è parlato, negli anni scorsi, di open door management, cioè di vertici capaci di lasciare aperta la porta, ascoltare chi lavora nel team. È un’attuazione pratica di questa rivoluzione, un camminare assieme verso lo stesso orizzonte. Il contrario, quel che è definito micromanagement, rende tutto, appunto, piccolo. La competizione, il non voler delegare, la mancata comunicazione degli obiettivi raggiunti e di quelli da raggiungere sono il frutto di un grave malessere che permea il clima aziendale. Questo atteggiamento è tossico anche per chi, con tutte le potenzialità possibili si sente coinvolto con il valore della società.

Un nuovo modello di work-life balance

Insomma, questi movimenti tellurici identificano esigenze che sono emerse durante la pandemia: un nuovo Work-life balance, con una riduzione dello stress e un maggior benessere. Le strade per rispondere a questi nuovi bisogni sono molteplici, quel che è evidente è che alcune aziende – oltre ad accorgersene – stanno già iniziando a disegnare i primi percorsi, convinte che la produttività possa trovare una nuova forma.

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...