L’abito non fa il monaco = il curriculum non fa il candidato

/di Laura Aldorisio

Il curriculum vitae spesso è un elenco di date, ruoli, titoli. La sintesi è un elemento essenziale. Spesso però penalizza una presentazione efficace di sé. Perché? Perché il ruolo, che dovrebbe individuare le attività svolte, non è identificativo a sufficienza.

A titoli uguali corrispondono quasi sempre responsabilità completamente diverse e diverso è il modo in cui ognuno di noi interpreta il proprio ruolo. Occorre per questo entrare nel dettaglio per distinguersi dal plico di candidati che si presentano con il format standard del curriculum.

Passo per passo analizziamo come non cadere nell’empasse.

Ogni ruolo è costituito da una parte prescritta e una discrezionale. La parte prescritta è la vecchia job description cioè una lista comune di compiti e procedure con output predefiniti. La parte discrezionale è il raggiungimento di obiettivi e la soluzione di problemi. Richiede autonomia e creatività. La differenza tra obiettivi e risultati misura l’efficacia dell’intervento.

È bene dettagliare quegli aspetti che hanno caratterizzato il ruolo ricoperto e che possono accendere nella mente dell’interlocutore delle connessioni, per similitudine o per contrasto, con la propria realtà: la dimensione e la tipologia dell’azienda (multinazionale straniera o azienda nazionale), i competitor, la dimensione (collaboratori, colleghi) e l’organizzazione della stessa (responsabilità, deleghe, specializzazioni, competenze, profili professionali), la tipologia dell’attività svolta, l’abitudine a un lavoro di tipo continuativo o con frequenti interruzioni e cambiamenti di priorità, la rete di relazioni che consente di capire la numerosità e il livello delle relazioni interne all’azienda e di quelle esterne.

INTOO rende semplice l’individuazione del proprio ruolo attraverso una scheda che permette al candidato di effettuare un’autoanalisi approfondita, ricordando anche esperienze lontane nel tempo e recuperando competenze che non si ricordava di avere. Il consulente guida il candidato nel percorso e nella definizione degli obiettivi, lo aiuta a individuare il titolo di ruolo più appropriato e in linea con il mercato, di prepararsi al colloquio e cogliere le caratteristiche che compongono il proprio personal branding. Per trovare lavoro occorre darci un titolo per cui poter dire che l’abito può fare il monaco!

Hai bisogno di una mano? Registrati gratuitamente

 

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...