LO SMARTWORKING AFFOSSERÀ MILANO? LA POSIZIONE DI CETTI GALANTE, AD DI INTOO

employability

Il numero dei contagi, purtroppo, è in netta risalita in tutta Italia. Non fa eccezione la Lombardia che, da inizio pandemia, è in cima all’infausto podio da Covid19. Si torna, quindi, in forma ancor più importante al mai abbandonato smartworking  e, in una città come Milano, gli effetti sono immediatamente visibili: le pause pranzo nei ristoranti e bar si sono drasticamente ridotte, così come la necessità di affitti nei luoghi che offrono le maggiori opportunità lavorative e di studio.

Aveva commentato al riguardo il Sindaco meneghino, Beppe Sala: «Sono preoccupato che la città sia ferma. I consumi sono in discesa e sarà così per un periodo abbastanza lungo. Le aziende sono necessariamente ciniche, per così dire, e dovranno trovare formule per ridurre i costi, stanno cominciando con gli spazi e a Milano questo è evidente».

Eppure il mutamento è in atto e, come tutte le evoluzioni, deve aprire ad orizzonti nuovi. Commenta al riguardo Cetti Galante, AD di INTOO:

Le aziende hanno imparato ad agire il cambiamento durante questi mesi, le persone hanno sperimentato (durante e dopo il lockdown) un diverso bilanciamento tra la vita privata e quella lavorativa, si sono scoperte più mature, responsabilizzate, consapevoli. E allora perché tale situazione non dovrebbe portare delle novità anche per la città? Potremmo pensarla come una contaminazione positiva – continua Galante -: se si facesse un passo a tutti i livelli assecondando la direzione imposta, d’improvviso, dalla pandemia, si coglierebbe una occasione di evoluzione intrinseca persino in un momento come questo.

Anche Milano, da sempre locomotiva economica e d’innovazione del Paese, dovrà dimostrare di sapersi rinnovare nei fatti, nel medio-lungo termine.

Ripensare lo spazio urbano è possibile – incalza Galante – avremo una città meno frenetica e inquinata, che dovrà saper offrire qualcosa di diverso nel suo centro urbano, introvabile nelle periferie e che valga lo sforzo di muoversi. Parlo di esperienze artistiche, culturali, d’intrattenimento che siano un arricchimento autentico. Nuovi modi di fruire l’arte e la cultura, magari vivendo di più i meravigliosi spazi all’aperto della città, compresi i portici e i cortili durante l’inverno.

Il lavoro da remoto, spesso da casa, consente di fare crescere i servizi offerti dalle periferie e questo genererà un benessere più allargato. Credo molto nella politica dei quartieri di cui ultimamente si parla.

I servizi a portata di mano, in tutti i quartieri, genereranno nuove opportunità di apertura di punti vendita. Si rivaluteranno i quartieri e le periferie, personalmente la vedo come un’opportunità di “democratizzazione”, se possiamo usare questo termine, che costringerà i maggiori centri ad aumentare la qualità dell’offerta per rimanere attrattivi.

Ciò che auguro a Milano è “riformulare la visione del proprio futuro” (per citare il Sindaco Sala) con sviluppi, anche urbanistici, importanti che accompagnino iniziative nuove e creative. Insomma, è un insegnamento, quello dell’apertura al cambiamento agito – anche affrontando la fatica che esso comporta -, che la città può mutuare dalle aziende che l’hanno dovuto affrontare prima e ora sperimentano quanto esso sia arricchente, quando faccia crescere tutti noi.

Forza Milano!

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...