N. 4 | LASCIA UNA TRACCIA: IL PERSONAL BRANDING OFF LINE

Tornare a casa, stanchi, dopo il lavoro. Mangiare, curare i figli per poi accompagnarli nelle loro camere e, forse, stare al loro fianco finché non si addormentano. Poi tornare in cucina, prendere decisioni ordinarie o meno con la propria moglie, andare a cambiarsi e ritrovarsi con lo stesso dilemma: vorrei cambiare lavoro, ma come? E, soprattutto, quando cercare nuove opportunità? Più si cresce professionalmente e anagraficamente e più il tempo diventa la risorsa preziosa che si rincorre minuto dopo minuto. Si dice, ed è corretto, che cercare lavoro sia un lavoro. Richiede energia e, appunto, tempo. Ma si può raggiungere l’obiettivo di essere chiamati a ricoprire una nuova posizione se, prima di tutto, ci si fa conoscere. Spesso l’invio del curriculum vitae è la punta di un iceberg di una conoscenza che deve crescere giorno dopo giorno: si chiama Personal Branding.

 

[vc_single_image image=”25122″ img_size=”medium” css_animation_delay=”0″]Presentare se stessi in luoghi virtuali e fisici è il tema che qui affrontiamo. Con la premessa che off line e on line è un limite labile perché quel che avviene off line trova spazio quasi sempre on line.

Si può incominciare ad avere una identità riconoscibile già cambiando alcuni atteggiamenti nel ruolo che ora si occupa in azienda. Il primo cambiamento di mentalità necessario è che ogni occasione è da ritenere un’occasione indispensabile per sé. Si pensi, ad esempio, a una riunione con un fornitore o con un cliente o un partner. Il biglietto da visita a portata di mano è la prima modalità per posizionare il proprio brand. Chi si è e cosa si fa deve essere trasparente e soprattutto “memorabile”. La partecipazione alle fiere e anche ai corsi di formazione moltiplica la possibilità di stringere rapporti nuovi e interessanti. È chiaro che le relazioni al di fuori dell’ambito lavorativo assumono anche toni più vicini, cordiali: basti pensare ai genitori degli amici dei propri figli, agli insegnanti della scuola, ai giornalisti locali, ai funzionari della biblioteca del proprio quartiere. Il bar, l’associazione di volontariato, la palestra, il sindacato, il partito politico sono i crocevia dove ogni rapporto può portare un significativo cambiamento per sé. Non si deve sottovalutare nessuna occasione per farsi conoscere e conoscere. Il personal branding altro non è che la possibilità di esprimere la propria identità ovunque siamo. L’efficacia degli strumenti off line ne è solo una controprova.[vc_cta h2=”E ORA?” color=”green”]…non ti resta che praticare. Se desideri capire come promuovere il tuo Brand per cambiare lavoro e crescere professionalmente, continua a informarti e registrati qui sotto. Potrai scaricare la Guida Gratuita “I 4 Pilastri Indispensabili per affrontare il Mercato del Lavoro”. [/vc_cta][vc_btn title=”REGISTRATI & SCARICA LA GUIDA” color=”success” size=”lg” align=”center” link=”url:https%3A%2F%2Fit.myintoo.com%2Fregistrationintoo%23personal_data|target:_blank”][/vc_column][/vc_row]

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...