NO alla pigrizia!

/di Roberta Cassina

Non si può essere sempre i migliori, i più brillanti in ogni situazione, ma si può essere preparati e colpire nel segno.

Questa è certamente una buona chiave di lettura per interpretare il periodo di avvicinamento a un colloquio di lavoro.

Presentarsi al selezionatore come il candidato ideale può dimostrarsi controproducente. Innanzitutto perché ogni affermazione andrebbe suffragata con risultati concreti a supporto, in secondo luogo perché si risulterebbe antipatici, il che certo non giova a una buona “prima impressione”.

In una fase in cui stiamo cercando lavoro e proviamo a rispondere a diversi annunci, è chiaro che non potremo sempre ambire al ruolo di “profilo perfetto”. Però possiamo puntare ad avere davvero delle chance di farci notare e preferire dal recruiter… In una parola, ciò che dobbiamo fare è: studiare.

Studiare, studiare, studiare.

Analizzare la job description, prestare attenzione al profilo dell’azienda in questione sul sito e sui social, capire quali passi sono già stati fatti nel settore di riferimento e cosa si aspettano dal ruolo descritto.

Bisogna riscrivere il curriculum su misura e predisporre una buona lettera di presentazione.

Attenzione, in molti lo dicono e in pochissimi lo fanno. Forse non sappiamo da dove partire; proviamo a porci una domanda chiara: “Cosa posso fare io per questa compagnia? Quale value proposition affermo?”. Da lì sviluppiamo, non dico un progetto, ma almeno un’idea (magari dando un’occhiata ai competitor). Può essere utile, per rafforzare la propria posizione, consultare i profili dei manager dell’azienda e, in particolare, dei vertici del settore in questione così da individuarne gl’interessi professionali.

È vero, ci vuole tempo e fatica, ma:

  • è un lavoro interessante che permette una mappatura dettagliata delle aziende nel nostro orizzonte di riferimento
  • è un buon investimento se aumenta le possibilità di ottenere un lavoro

Insomma: abbandoniamo la pigrizia e ripercorriamo i passaggi a ogni colloquio.

Hai bisogno di una mano?  Contatta gli esperti di Build My career

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...