HA DELLE DOMANDE PER NOI? QUANDO IN UN COLLOQUIO FARE DOMANDE È PIÙ COMPLESSO CHE RISPONDERE

Cambiare lavoro: dimissioni e skill mismatch

Il mercato del lavoro del nostro Paese oggi è segnato da due fenomeni: quello di un numero consistente di dimissioni, così come di profili che si faticano a trovare. Partiamo allora da una considerazione: il desiderio di cambiare lavoro – in particolare in un mercato che tende all’immobilismo, dove i nostri genitori ci hanno insegnato che un posto è per sempre, come un diamante – è sano, al passo con dei tempi che evolvono a una velocità assai più mercata. In più, il cambiamento porta a ragionare da un’altra prospettiva, ad aggiornare le nostre competenze, solitamente anche a raggiungere un ruolo più alto o diverso e una retribuzione più solida; insomma, non c’è niente da giustificare se ci accorgiamo di desiderarlo.

Il punto è allora come convincere il nostro potenziale datore di lavoro che potremmo essere il profilo più adatto a ricoprire quel determinato ruolo per il quale, forse, sta faticando a trovare un match adeguato.

Il colloquio di lavoro: l’importanza delle domande

Durante l’iter di selezione, un momento fondamentale è quello a “parti invertite”, cioè quello in cui l’intervistatore chiederà “Ha delle domande per noi?”. Ecco, è un passaggio cruciale perché può fare la differenza nella percezione del nostro interessamento a quella posizione. Liquidare con un semplice “No” rischia di essere interpretato come poco interessamento alla realtà aziendale ed alla posizione  e, soprattutto, ci fa perdere l’occasione di ottenere le informazioni di “contorno” (ad esempio la composizione del team, la struttura aziendale, quali divisioni saranno coinvolte.. etc..non rende ragione dell’apertura che ci è stata accreditata, proviamo invece a dimostrarci volenterosi di approfondimenti, anche valoriali.

Il focus su performance e obiettivi

Tenete nel cassetto alcune richieste che vanno nella direzione di comprendere attese e parametri di giudizio:

  • Quali sono le priorità che vi aspettate non vengano fallite nei primi 3 mesi di lavoro?
  • Quale gap auspicate si colmino con il mio on-boarding?
  • Su quali KPI viene misurato il “successo” di questo ruolo?

Sono tutte domande che dimostrano un interesse autentico e specifico per la nuova azienda con la volontà di approfondirne gli obiettivi a breve e medio termine, nonché la determinazione a comprendere le dinamiche e gli elementi ritenuti strategici e non negoziabili; sono richieste che portano l’interlocutore a “scoprirsi” e fornire delle tips anche pratiche, tattiche, utili alla costruzione strategica di un on-boarding positivo, ma che aprono all’idea di costruire un futuro di reciproca soddisfazione di più lungo termine, con un profilo attento alla performance e ai risultati attesi.

Wp_Admin

Wp_Admin

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

Longevity in azienda: 5 linee guida per iniziare a occuparsene
Longevity in azienda: 5 linee guida per iniziare a occuparsene

"I trend demografici riguardano sempre più le organizzazioni e la longevità è oggi al primo posto; è necessario che venga vista come una risorsa, piuttosto che come una criticità." Queste le parole di Alessandra Giordano direttore Employability e Career Development di...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Longevità al lavoro: le 5 mosse per farne un’opportunità
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...