LICENZIARE E ASSUMERE, NULLA DI PI­Ù DIFFICILE

Microsoft licenzierà circa mille dipendenti, a confermarlo l’azienda stessa che si rifiuta però di rivelare quale sia o siano le sedi coinvolte, certamente il campus di Redmond.

Fa riflettere la nota ufficiale che afferma che l’azienda effettua “aggiustamenti strutturali in base alle necessità. Come tutte le aziende, valutiamo regolarmente i nostri professionisti e continueremo a investire nel nostro business e ad assumere nelle aree chiave di crescita nel prossimo anno”.

Da una parte, quindi, Microsoft si unisce ai giganti tecnologici Meta e Google nel rallentare le assunzioni, dall’altra la chiave di lettura che emerge è rilevante: si assume nelle aree chiave, ma si taglia un numero non piccolo di lavoratori.

Il fenomeno della great resignation

In questo periodo si conta un crescendo di dimissioni, fenomeno che abbiamo imparato a conoscere come great resignation, ma allo stesso tempo sale la quota di licenziamenti. Due facce della stessa medaglia. La flessibilità del mercato del lavoro, infatti, impone nuovi interrogativi.

La consequenzialità del “licenzio risorse vecchie per assumerne di fresche” non è più così lineare. Se infatti il mercato del lavoro era basato unicamente su questa binarietà del licenzio/assumo, ora ci si domanda come sostituire il dipendente che si è dimesso.

Un nuovo quid, infatti, attraversa la domanda di lavoro, ancora più dell’offerta: le nuove generazioni che esigenze esprimono nei confronti delle società? Qual è l’attrattiva che può convincerli a sposare la mission aziendale per il periodo necessario a portare a termine i progetti? Quanto tempo rimarrà il nuovo arrivato? Un dipendente insoddisfatto è il più rischioso dei fattori di instabilità aziendale.

Le nuove sfide per aziende e risorse umane

Ci sono diverse possibilità di manifestare la propria insoddisfazione: chiedere un aumento, domandare di partecipare a nuovi progetti, ma in percentuale sempre maggiore la forza lavoro sceglie di dimettersi per cambiare totalmente ambiente.

Le risorse umane stanno attraversando un forte cambiamento, che in alcuni casi risulta essere un vero trauma per le imprese che vedono aumentare le lettere di dimissioni e, allo stesso tempo, hanno bisogno di rinnovare la forza lavoro; si licenzia ma non si trovano, per questioni demografiche e di mismatch, candidati adatti.

L’azienda non riesce a recuperare i candidati e il lavoratore cerca valori ben precisi, come il benessere nel posto di lavoro, un salario più alto, un ambiente di lavoro più sano, il rispetto dalle gerarchie e dai colleghi, un bilanciamento reale tra la vita privata e il lavoro.

È una novità che richiede una ritrova corrispondenza, una forte riflessione e, soprattutto, competenze esperte al fianco dell’azienda. Le soluzioni non mancano, ma bisogna in primis comprendere e far emergere le nuove esigenze e trovare una “quadra” tra le parti.

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...