C’ERA UNA VOLTA IL MANAGER

c'era una volta il manager

di Claudio Saporito

«E’ necessario che tu abbia fiducia nei tuoi collaboratori, e abbastanza fiducia in te stesso da lasciare che loro trovino una strada migliore», così scrive nel su libro “How Google Works” Eric Schmidt, ex CEO del colosso di Mountain View, rivolgendosi ai manager che vogliono diventare veri leader, caratteristica fondamentale per tutti quei dirigenti di impresa che puntano all’efficienza.Nelle organizzazioni che operano nell’economia 4.0, un capo che impone gli ordini dall’alto non funziona più. Per gestire situazioni complesse e muoversi su mercati in continua metamorfosi è necessaria la collaborazione di tutti i membri del team. E un buon capo deve essere non solo un punto di riferimento ma anche un coach in grado di individuare il talento di ognuno, farlo emergere ed esaltarlo al meglio.Questo significa avere sì una buona preparazione tecnica ma anche essere capaci di delegare e possedere competenze trasversali che includono doti come la comunicazione, l’empatia, la collaborazione e un’altissima sensibilità.

  • LIBERA LA TUA INTELLIGENZA EMOTIVA

Insomma, per dirla alla Daniel Goleman, padre dell’intelligenza emotiva, per essere un buon leader non bastano competenze tecniche eccellenti e nemmeno un QI altissimo. Occorre piuttosto una componente irrazionale: l’intelligenza emotiva, appunto, che altro non è che la capacità di conoscere e controllare sé stessi e di capire, motivare e coinvolgere gli altri.

  • UNA PERSONA SU 10 HA TALENTO DA LEADER

Nelle aziende italiane abbiamo uomini e donne capaci di questo? Difficile dare una risposta.

Secondo uno studio solo una persona su 10 ha il talento del leader. Questo significa che tra i manager oggi alla guida delle nostre imprese solo pochi sono quelli in grado di fare davvero la differenza. La maggior parte replica modelli di management vecchi mantenendo le cose come stanno. Risultato? Le prestazioni sono basse e il clima aziendale peggiora compromettendo così risultati e produttività.

  • TROVA IL CORAGGIO DI METTERTI IN DISCUSSIONE

E’ bene dunque ricordare che leadership e management non sono una destinazione ma un percorso di crescita continua. Dunque è importante continuare a lavorare su se stessi focalizzandosi sullo sviluppo delle proprie soft skill.Per farlo prenditi periodicamente del tempo e chiediti:
Quali sono le abilità che ho più sviluppato?
Quali quelle che devo migliorare?
Quali sono i comportamenti che devo potenziare?
Quali quelli che devo rimuovere?Certo chiedere un feed-back ai tuoi collaboratori su questi temi potrebbe aiutarti a migliorare più velocemente nonché compiere quel delicato passo che porta dal management alla strategia ovvero, come diceva l’economista Peter Drucker padre della scienza del management, tra fare le cose bene e fare le cose giuste.

L’atto comporta indubbiamente coraggio e voglia di mettersi in discussione, ma non è quello che un vero leader è chiamato a fare ogni giorno?[/vc_column][/vc_row]

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...