SE LA CRISI RIPORTA AL CENTRO LA PERSONA

È vero, come diceva Einstein, che le crisi servono per svelare a noi stessi chi siamo, portare alla luce la nostra identità.

Se guardiamo il nostro tempo, possiamo leggere in controluce tendenze che sembrano contrapporsi, mentre l’una sta solo facendo emergere l’altra. La crisi energetica, la pandemia, che non si arresta ancora del tutto, e la guerra tra la Russia e l’Ucraina, che non manifesta battute d’arresto in breve tempo, costituiscono le pre condizioni di quella tempesta perfetta che ha favorito quella che è, a oggi, una tra le più gravi inflazioni della storia della nostra nazione.

I lavoratori, proprio a causa dell’inflazione e della crisi energetica, hanno perso gran parte del loro potere d’acquisto. Una situazione che certamente genera un forte stress, che si ripercuote nella vita di tutti i giorni; a questo bisogna aggiungere l’incertezza del lavoro, che risulta in questi mesi una reale minaccia.

La risposta delle imprese alla crisi

Le imprese, dal canto loro, rispondono avendo ben chiaro di voler investire nella formazione del personale, elemento determinante per ridefinire il metodo di lavoro. Un metodo che, per essere funzionale, viene incentrato sul digitale. Perché il digitale? Perché per informatizzare il processo produttivo, il personale ha necessità di acquisire nuove competenze.

Secondo l’analisi di Nomisma, che ha saputo interrogare un campione significativo di imprese del nostro Paese, il 46% degli intervistati ha scommesso sulla formazione tecnica, il 42% sulla formazione di soft skills, mentre il 23% ha dato il via a forme di coaching individuale per supportare le persone nella fase di crescita.

Il rifinanziamento del governo

Suffraga questa direzione anche il recente rifinanziamento da parte del Governo con 1 miliardo di euro del Fondo Nuove Competenze che risponde all’esigenza delle aziende di formare il proprio capitale umano per dar forma a quei processi d’innovazione che disegnano la strada verso la transizione digitale ed ecologica. Affinché questa doppia evoluzione sia realizzabile, tuttavia, servono nuove competenze e l’aggiornamento di quelle già formate.

Il Fondo permette ai datori di lavoro di effettuare attività di formazione per il proprio personale, rimborsando parte del costo delle ore di lavoro destinate.

La formazione continua si rivela e si conferma, dunque, la chiave per potenziare competenze e conoscenze, rafforzare il profilo professionale delle persone e assicurare loro maggior soddisfazione ed engagement. Una crescita orizzontale, posto che non sempre e non ovunque è possibile assicurare una verticalizzazione della carriera anche a chi lo merita.

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...