DESTINAZIONE FUTURO: OBIETTIVO PER GIOVANI ADULTI

GIOVANI

Due lavori, quando uno non basta

Non sono pochi i giovani adulti in Italia che svolgono più di un lavoro. Secondo le ultime rilevazioni (fonte Corriere della Sera), il 37% della Generazione Z e il 23% dei Millenials hanno almeno un secondo lavoro con cui cercano di integrare il primo stipendio. Altro che bamboccioni, insomma. Almeno in questa fetta di platea che dimostra buona volontà e impegno.

Chi decide di svolgere due occupazioni lo fa per diverse ragioni, concomitanti. Una è quella economica perché i livelli di retribuzione dei giovani sono bassi ed è normale che sia così, mentre si sta ancora costruendo la propria expertise. E allora porte aperte anche a due lavori, a una vita frenetica (con impegni multipli e orari o appuntamenti da incastrare) e tanta dedizione.

Una strada per combattere l’etichetta di “adulti a basso budget” e di attori di una storia senza lieto fine. Il tutto in controtendenza rispetto alla lettura, ormai più che diffusa, di giovani che non riconoscono il valore del lavoro e, in un certo senso, anche la sua necessarietà.

È tutta questione d’ingaggio

Il tema è, dunque, anche quello dell’ingaggio, del vedere il vantaggio del lavoro, a partire dalla questione economica ma ad allargarsi fino alla dignità di colui che sa fare, pensare, creare, giudicare, portare il proprio contributo originale.

È una questione cruciale per le aziende e le risorse umane che hanno il compito di mostrare e dimostrare il carattere e il sistema valoriale dell’azienda stessa, così che i ragazzi (e non solo) possano verificarne l’immedesimazione o – in maniera meno profonda – un certo livello di corrispondenza.

Il lavoro come luogo dove esprimere il meglio di sé

Qui si gioca l’attrattività delle aziende che diventano il luogo della volontà di giovani e meno giovani di mettere in atto ciò che sanno fare, lo spettacolo delle proprie conoscenze e competenze che trovano un campo d’azione. In questo senso, il disegno di un progetto professionale dà prospettiva e respiro, fino a contemplare la possibilità dell’errore, se compiuto per sperimentare un qualche tentativo d’innovazione.

Destinazione futuro

In quattro parole, il punto sta nel “rendere presente il futuro”, cioè nel mostrare l’investimento che l’azienda fa nelle sue persone, spingendole a dare il meglio. È così che il merito e il lavoro tornano a contare, anche in un rapporto più dinamico e flessibile come quello che instaurano i giovani, e il futuro riacquista una dimensione più appetibile, alla quale voler non solo assistere ma partecipare.

Wp_Admin

Wp_Admin

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...