I NUOVI CONTRATTI NEL MONDO DEL LAVORO

I dati ISTAT sull’occupazione restituiscono una fotografia inaspettata, con particolare focus sui nuovi contratti.

Crescono infatti i nuovi contratti a tempo indeterminato: a ottobre 117mila nuovi posti che si aggiungono agli 80mila circa già registrati a settembre. Non era questa la condizione che si prevedeva all’annuncio dei dati di inflazione, dell’incremento del costo delle materie prime, del terrore dei prezzi dell’energia, della grande volatilità delle condizioni dettata dalla guerra in Ucraina, che sempre più determina l’economia mondiale.

Eppure, questi sono i dati sui nuovi contratti.

Che cosa sta accadendo? Come leggere un simile evento? In realtà questi numeri vanno di pari passo con tutti i fenomeni di cui abbiamo già trattato, come le grandi dimissioni e la grande fatica ad attirare nuovi talenti in azienda.

In tale contesto sociale, le aziende italiane si stanno mettendo al riparo, cercando una soluzione che proveremo a interpretare se di breve o lungo periodo. Questa tendenza ha un senso che è da leggere tra le righe: le imprese a mano a mano stanno decidendo di stabilizzare i lavoratori con nuovi contratti duraturi.

È una sorpresa, certo, che appare di primo acchito una buona notizia. Ma è veramente così?

Alcuni analisti giudicano come positiva una tale valorizzazione del capitale umano già inserito in azienda; un riconoscimento che risponde alla paura di perdere chi ha già acquisito una competenza, a fronte di un mercato del lavoro che non offre un ricambio di nuovo personale adeguato ai bisogni e ai ritmi produttivi.

Ma c’è anche chi ha una visione diversa. Se, infatti, da una parte crescono i numeri dei nuovi contratti a tempo indeterminato, dall’altra si sta verificando un congelamento delle nuove assunzioni. Non crescono, infatti, i contratti a tempo determinato che, da sempre, nel contesto lavorativo italiano sono il primo passo per avere una prima opportunità professionale; lo step 1 della piramide domanda-offerta nel mondo del lavoro rischia, cioè, di venire meno.

In altri termini, si preferisce rendere stabili rapporti esistenti piuttosto che rischiare con nuovi inserimenti ma è proprio da lì che, spesso, provengono i più sensibili cambiamenti.

Una buona notizia, quindi, che se letta in profondità porta con sé a lungo termine dei chiaro-scuri.

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...