NUOVE GENERAZIONI: IL LORO RUOLO NEL LAVORO

Nuove generazioni

 Qual è il ruolo delle nuove generazioni?

È arrivato il momento di domandarsi da dove e da cosa ci si aspetti l’innovazione all’interno del contesto lavorativo. Che cosa può rendere nuovo un processo produttivo? Cosa consente un’accelerazione? Come si può cambiare schemi tanto ripetitivi quanto consolidati? Quali i vantaggi nel puntare sulle nuove generazioni.

Si può immaginare che la robotizzazione e l’automazione siano fattori vincenti per migliorare la competitività. Ci si affida alle novità tecnologiche, informatiche, automatiche che richiedono un investimento e un ritorno quasi matematicamente prevedibili. Questione nodale è anche la differenza che può fare il capitale umano, con le nuove generazioni (generazione Z o Millennials) in prima linea.

Le nuove generazioni non sono soluzioni a breve termine

Quando si parla di nuove generazioni da inserire in azienda, immediatamente si traduce tale esigenza in questo senso: la conoscenza si evolve continuamente e chi si è appena formato a scuola o in Università o ha seguito una certa specializzazione può allineare il passo con le nuove esigenze del mercato.

Le nuove generazioni, però, non possono essere solo considerati soluzioni a breve termine. Le competenze tecniche, specifiche sono essenziali, ma non sufficienti. Le risorse umane si troveranno, dunque, a domandarsi che cosa possa essere attraente nel tempo per le nuove generazioni (laddove lo stipendio, il contratto e il ruolo sono solo alcuni degli aspetti che vengono soppesati e considerati).

Le nuove generazioni non portano solo competenze, ma un nuovo modo di vivere il mondo

Valori portati a regime, la priorità del benessere personale e soprattutto una ricerca molto acuta del significato delle cose. Basti pensare che la produttività per i giovani è proporzionale non tanto alla quantità delle mansioni, bensì alla qualità del lavoro, al rispetto per l’ambiente e ai diritti: si può dire che vivano un senso molto ampio del mondo, differente da una visione assolutamente locale, tipica di realtà chiuse.

È a questo senso del vivere che si deve lasciare spazio nel lavoro ed è tale sguardo, coniugato a competenze aggiornate, che può rinnovare ogni processo produttivo.

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

Longevity in azienda: 5 linee guida per iniziare a occuparsene
Longevity in azienda: 5 linee guida per iniziare a occuparsene

"I trend demografici riguardano sempre più le organizzazioni e la longevità è oggi al primo posto; è necessario che venga vista come una risorsa, piuttosto che come una criticità." Queste le parole di Alessandra Giordano direttore Employability e Career Development di...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Longevità al lavoro: le 5 mosse per farne un’opportunità
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...