IL VALORE DELL’EQUILIBRIO PER DARE IL MASSIMO

EQUILIBRIO

C’è una cosa che la GenZ insegna a tutti noi, il valore dell’equilibrio.

Perché è ormai acclarato che una persona bilanciata, soddisfatta, assicura – mediamente – performance migliori sul lavoro. È questione di lucidità, di capacità di concentrazione, di ottimizzazione delle risorse, di orientamento di energie e focus.

Per questo il benessere è diventato tema di estremo interesse da parte delle aziende che non lesinano sforzi per garantire un migliore work-life balance.

In questo senso, lo smart working e orari più flessibili sono un aspetto di quella sostenibilità umana e ambientale che ogni azienda dovrebbe ricercare.

In fondo, le lunghe ore nel traffico non migliorano né l’umore, né la buona predisposizione nei confronti della giornata, né la percezione di star facendo buon uso del proprio prezioso tempo; tale sensazione di spreco altera negativamente il giudizio riguardo quelle realtà che rimangono ancorate a modelli ormai superati, dove il valore – anche economico – è legato ai minuti inchiodati in una certa postazione e non piuttosto al risultato che l’impegno genera.

A livello macro,  un altro elemento importante è la capillarizzazione del lavoro, la possibilità – cioè – di lavorare anche in piccoli centri, non solo nei contesti ultra-urbanizzati delle Cities. Questo a minor deterioramento delle condizioni di vita e a prevenzione della desertificazione delle periferie e dei paesi. Per non parlare del mercato immobiliare che, al netto del rialzo folle dei tassi di mutuo, ha visto schizzare i prezzi al mq e rendere sostanzialmente inaccessibili soluzioni che non siano risicatissime in termini di spazi e servizi, penalizzando così – in primis – i lavoratori più giovani. Una infrastruttura digitale di livello abilita il lavoro da remoto e la presenza di aziende anche fuori dalle principali città accorcia le distanze dai luoghi di vita, a beneficio del time saving, dell’ambiente e del miglioramento dell’equilibrio vita-lavoro delle persone.

Puntare all’equilibrio per migliorare la produttività

Perciò basta affondi contro la GenZ che non prende in considerazione un’offerta se non contempla lo smart working, basta con la retorica di chi non ha voglia di fare sul serio, abbracciamo un nuovo modo di portare valore, un equilibrio che presupponga un impegno autentico e assicuri in cambio un’attenzione più sentita al benessere delle persone e del mondo che ci circonda.

Wp_Admin

Wp_Admin

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...