INTELLIGENZA ARTIFICIALE, L’IA CI COSTRINGE A ESSERE PIÙ INTELLIGENTI DI LEI

INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Intelligenza Artificiale: l’essere umano può ancora fare la differenza?

Si rincorrono i dati sulla transizione digitale e sui posti di lavoro persi in maniera proporzionale alla pervasività dell’intelligenza artificiale e dei robot, sempre più sofisticati, fino ad arrivare agli umanoidi.

Oltrepassato il livello in cui i macchinari sollevano l’uomo da azioni pesanti e ripetitive, di fatto permettendo il superamento dell’idea fordista della fabbrica, oggi il rischio automazione si pone su un piano diverso, quello delle high skills. Infatti, se un eccellente matematico può accusare la stanchezza e sbagliare, altrettanto non accade a un evoluto software di calcolo; ma il medesimo matematico è lo stesso che comprende la differenza tra una situazione nota e un caso che non rientra nelle casistiche già conosciute e necessita quindi una soluzione diversa. È qui che l’uomo può e deve ancora fare la differenza, guidando la macchina e portandola a sostenerlo su nuovi orizzonti.

Intelligenza artificiale: come cambia il mercato del lavoro

Capiamo, dunque, perché soft skills come la flessibilità e la creatività siano così ricercate e valorizzate in ambito HR, un certo mindset che non rifugge il non-noto ma lo affronta provando a ideare nuove soluzioni, tenendo in conto la complessità della realtà e delle sue variabili. La straordinarietà delle performance dell’intelligenza artificiale piuttosto che dei robot porta – quasi paradossalmente – al potenziamento del brillio dell’umano e delle sue caratteristiche intrinseche.

Non facciamoci trascinare dal disfattismo o da visioni più fantascientifiche che reali, ma una cosa è innegabile: la formazione continua, la capacità di leggere i tempi e di includere e gestire i prodotti dell’innovazione e dell’evoluzione saranno (e sono già) elementi indispensabili della nostra spendibilità su un mercato del lavoro complesso.

Wp_Admin

Wp_Admin

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...