Keep Calm And… preparati alle domande critiche

/di Roberta Cassina

Arriva sempre, durante un colloquio, il momento nel quale si ha la percezione di essere davanti a un burrone. È una voragine che non si supera con un passo più lungo, è necessaria una strategia per arrivare indenni dall’altro versante. Ma non è facile elaborare un piano quando si sta affrontando un momento delicato e stressante. Bisogna pensarci prima, prevedendo le “domande critiche” che il selezionatore potrebbe porci.

 

Ad esempio: la ragione per cui vorremmo cambiare lavoro. Attenzione a non cadere in risposte emotive, meglio lasciare da parte gli aspetti personali e concentrarci sui risultati più alti che potremmo raggiungere in un contesto diverso, forti e solidi dell’esperienza maturata.

 

Oppure – sull’aspetto motivazionale -, davanti a domande sulle ragioni per le quali si ambisce a lavorare per una certa azienda o sull’interesse alla posizione, è opportuno rispondere concentrandosi sull’allineamento del profilo alla ricerca e centrando l’attenzione sul valore aggiunto che potremmo portare. L’ideale è argomentare portando esempi concreti, indicando punti di contatto tra la nostra esperienza e le esigenze del potenziale datore di lavoro.

 

Quanto alla presentazione, è assai probabile che ci venga richiesta un’analisi lucida di noi stessi. Non sprechiamo l’opportunità di disegnare un ritratto che resti impresso. Nello scegliere i punti di forza, selezioniamoli in linea con la job description. Quanto alle debolezze, facciamo in modo di giocarle in maniera interessante: “Sì, sono cocciuto e testardo, però quando devo raggiungere un obiettivo, non mollo fino a quando non l’ho conseguito”

 

E, da ultimo, l’elemento più spinoso, la questione economica. Attendiamo che sia l’interlocutore ad affrontare per primo questa tematica, non diamo l’impressione di voler valutare unicamente l’aspetto retributivo. Quando l’argomento verrà affrontato, non ci irrigidiamo subito nel caso venisse proposta una cifra inferiore alle attese. Troviamo piuttosto strade diverse, magari attraverso il riproporzionamento di fisso e variabile, la valutazione globale del work-life balance o di pacchetti di welfare, piuttosto che di smart working oppure manifestiamo disponibilità a soluzioni diverse dal lavoro subordinato.

Ti sentiresti più sicuro dopo aver fatto delle “prove” di colloquio con degli esperti? I consulenti di INTOO sono a disposizione per l’interview training. E ricorda, il successo di una selezione non si gioca unicamente durante il colloquio…

Per saperne di più

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...