LE 5 DOMANDE DIFFICILI CHE POTREBBERO FARTI DOMANI AL TUO COLLOQUIO

Cercare un lavoro, inviare cv e ricevere una chiamata per un colloquio: sono passaggi essenziali ma non sufficienti. La selezione, infatti, ci deve trovare pronti a essere assunti. Per questo c’è un’unica chance: superare il colloquio.

È un momento di tensione e potenzialmente pieno di imprevisti, ma non possiamo considerarlo un foglio bianco. C’è bisogno di una dettagliata e precisa preparazione. E, se possibile, bisogna poter chiedere consigli a chi lo fa di mestiere. Perché? Perché solo così si potrà iniziare a tracciare qualche segno su quel foglio bianco. E un segno dopo l’altro il sentiero sarà più chiaro, sapremo dove sono le buche dove non mettere il piede o quali sono le rocce a cui aggrapparsi durante la salita impervia.

Partiamo, allora, dal segnare alcune buche lungo la strada.

Quali sono le domande che potrebbero farti lo sgambetto durante il colloquio?

  1. «Che rapporti aveva con il suo ultimo capo? E con i colleghi? E con i collaboratori?»
  2. «Perché sta cercando un nuovo lavoro?»
  3. «Qual è il suo stipendio? Non le sembra un po’ troppo elevato? O non le sembra un po’ basso per l’esperienza fatta e per la sua età?»
  4. «Perché vuole lavorare con noi?»
  5. «Che descrizione darebbe di sé?»

A ognuna di queste domande risponde la Guida di INTOO che qui puoi scaricare.

E, in particolare, una delle consulenti INTOO, Paola Marongiu, consulente di carriera, ci suggerisce quali sono le rocce che potrebbero salvarci da una rovinosa caduta.

A lei abbiamo chiesto:

  • Come ci si prepara a un colloquio?
  • Come ci si comporta durante un colloquio?
  • Come si rilancia la discussione?
  • Come si replica al recruiter che si sta avviando alla conclusione del dialogo?

Non si tratta di dettagli, ma di un appiglio concreto.

Non inciampare, allora, e preparati. Registrati e scarica subito la Guida “I 4 Pilastri per la tua Carriera”.

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

Longevity in azienda: 5 linee guida per iniziare a occuparsene
Longevity in azienda: 5 linee guida per iniziare a occuparsene

"I trend demografici riguardano sempre più le organizzazioni e la longevità è oggi al primo posto; è necessario che venga vista come una risorsa, piuttosto che come una criticità." Queste le parole di Alessandra Giordano direttore Employability e Career Development di...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Longevità al lavoro: le 5 mosse per farne un’opportunità
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...