L’importanza del Network per i Manager

/di Marilù Anaclerio

In Italia uno dei principali canali di ricollocazione professionale continua ad essere il corretto ed efficace utilizzo del proprio network. Questo vale ancora di più per figure top o manageriali che nel 73% dei casi trovano un’alternativa professionale proprio grazie alla loro capacità di gestire al meglio la loro rete di conoscenze, al fine di acquisire informazioni e suggerimenti – anche in modo informale – in particolare su posizioni che non sempre vengono promosse in chiaro tramite i classici annunci. Quanto più è top la figura da inserire, infatti, quanto più le aziende tendono ad applicare riservatezza nella gestione del processo di selezione.

Come riuscire, quindi, a conoscere dove si trova la tessera mancante del puzzle e quali sono le realtà che devono inserire una nuova figura executive? Lo sviluppo del network è la risposta più efficace, perché renderà il manager sicuramente più consapevole, pronto, aperto al confronto continuo, nonché costantemente allineato sulle evoluzioni e sui fabbisogni del mercato. Tutto ciò sarà possibile in un contesto non solamente locale, ma anche internazionale, dal momento che uno dei principali strumenti attraverso cui portare avanti l’attività di networking è Linkedin, piattaforma condivisa a livello mondiale ormai dalla maggior parte delle aziende e dei professionisti.

Ma perché ha così tanto valore l’attività di networking per la vita di un professionista che, in particolare, ricopre – o ha ricoperto – funzioni executive? In realtà la sua utilità non è meramente funzionale alla ricollocazione professionale, nel momento in cui la persona decide, o è costretta, a cambiare azienda, ma dovrebbe declinarsi durante l’intera vita lavorativa del manager. Fare attività di networking significa, infatti, mantenere attiva la propria rete anche nel momento in cui si è stabili professionalmente, sia per farsi trovare pronti laddove, per fattori inaspettati e improvvisi, si dovesse perdere il lavoro, sia perché è sempre utile essere aggiornati su quelle che sono le dinamiche di mercato nel settore in cui si opera, ma anche in situazioni differenti per avere la consapevolezza di come si muove in generale l’economia e quali sono o meno le realtà maggiormente appealing e floride.

Sintetizzando, potremmo dire che una puntuale attività di networking consentirà al manager di costruire nuovi rapporti professionali, utili per:

  • Sistematizzare l’implementazione di nuovi contatti. In questo modo egli/ella definirà una vera e propria attività multivel, grazie alla quale potrà arrivare a relazionarsi con una persona mai impattata prima, grazie ad un contatto ponte, comune ad entrambi. E così via anche sui contatti successivi.
  • Trovare nuove opportunità di lavoro.
  • Fare talent scouting di persone che possano ricoprire dei ruoli nell’azienda di appartenenza.
  • Rinforzare relazioni per potenziali opportunità di co-marketing o collaborazione.
  • Condividere informazioni sul settore e mercato di appartenenza che consentiranno al manager di operare con più consapevolezza e di essere maggiormente competitivo.
  • Scambiare opinioni e punti di vista, attraverso focus group on e off line (social network, ma anche fiere, eventi di settore…)

Per arrivare a questi obiettivi il manager dovrà essere costante nel portare avanti diverse attività in parallelo, attraverso gli ormai innumerevoli strumenti ed opzioni utili per creare interlocuzioni di valore (se ben utilizzati ovviamente…): E-mail, LinkedIn, Twitter, Eventi offline. Tutti assolutamente funzionali al mantenimento, creazione e governo delle relazioni con altri soggetti in modo organizzato e consapevole.

Desideri ricevere alcuni suggerimenti per creare e implementare efficacemente il tuo network? Registrati Gratuitamente

 

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...