N. 6 | HEAD HUNTER: IL RECRUITER DEI MANAGER

Head hunter: una figura nota, per sommi capi, a tutti. Ma, arrivati al punto di evoluzione attuale della nostra carriera, quanti ne abbiamo conosciuti personalmente? Intendo, figure esperte del nostro settore che abbiano tra le mani opportunità concrete che possano dare una svolta alla nostra carriera…

  • Perché per un profilo junior le possibilità di cambiare lavoro sono più ampie. Quando si ha meno da perdere si è più propensi al rischio.
  • Quando invece c’è molto in gioco, le variabili da valutare sono molteplici e il rischio s’impenna.

È qui che entra in gioco l’head hunter.

Soprattutto sui profili alti e medio-alti, skillati, con una carriera ben avviata alle spalle e stipendi che testimoniano i risultati raggiunti. Il cambiamento non è semplice per nessuno e va in ogni caso accompagnato da esperti, ma per figure così questa fase è ancor più delicata.Eppure, spesso, il cambiamento è un percorso necessario in quanto solo una discontinuità permette di dare nuovo brio alla propria esperienza professionale e compiere l’ennesimo balzo in avanti.Sono diverse le società di head hunting, ognuna con la propria specifica. Per non perdere tempo prezioso, è importante rivolgersi alla realtà giusta.

E per scovarla abbiamo un ottimo alleato: il web.

Gli head hunter sono presenti e attivi nei forum e nei blog che si occupano in maniera verticale dei settori di loro competenza. Sono protagonisti di Linkedin, che è il social che più si confà alla loro professione.Un lavoro preliminare di selezione della giusta società di head hunting è fondamentale, perché l’HH deve comprendere in profondità le nostre aspettative, ovvero gli obiettivi che ci proponiamo.

Dopodiché dovremo provare ad entrarci in contatto diretto e prepararci con scrupolo ai colloqui.  Ogni passo in questa fase di cambiamento è importante, non sottovalutiamo le singole fasi per centrare il nostro obiettivo![vc_cta h2=”Quali fasi sono ancora da completare per raggiungere il tuo obiettivo professionale?”]

Scopri il servizio Build My Career, e scarica subito la Guida “I 4 Pilastri per affrontare il mercato del lavoro”.

[/vc_cta][vc_empty_space][vc_btn title=”REGISTRATI!” color=”green” align=”center” link=”url:https%3A%2F%2Fit.myintoo.com%2Flogin|target:_blank”][/vc_column][/vc_row]

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Ultimi Post

Over 55: sette nuove possibilità lavorative prima della pensione.
Over 55: sette nuove possibilità lavorative prima della pensione.

In un contesto che vede l’aumento dell’età media generale e lavorativa è necessario pensare non soltanto a formule pensionistiche, ma anche ad opportunità per le figure senior, sostenendo il passaggio a nuovi ruoli attraverso la mobilità interna e sviluppando una...

Digitalizzazione ed employability, quale relazione
Digitalizzazione ed employability, quale relazione

La pandemia ha spinto il sistema impresa a dare un senso concreto alla digitalizzazione, cambiando non solo il modo di lavorare ma anche lo spazio e la “geografia” del lavoro. Ma quali sono gli strumenti e le competenze che devono accompagnare questa trasformazione?...

Quattro su dieci rifiutano il lavoro dopo l’accettazione.
Quattro su dieci rifiutano il lavoro dopo l’accettazione.

«Prevale dunque l’opportunismo e spesso l’ottica di breve periodo. L’opportunità non viene considerata in modo funzionale rispetto al proprio sviluppo come professionista e rispetto all’evoluzione della propria carriera di lungo periodo». Queste sono soltanto alcune...

Offerte di lavoro per over 50: mentori per i giovani e ideatori di start up
Reskilling in azienda, i 5 modi per valorizzare le competenze nascoste

Imparare a sfruttare il reskilling, il formare nuovamente il personale, può fare la differenza in azienda. Soprattutto in una fase di ripresa economica.Alessandra Giordano, Employability Director di INTOO, nell’articolo del Corriere della Sera – L’Economia ha spiegato...