PERCORSI DI OUTPLACEMENT: L’ESPERIENZA DI CLAUDIA CASATI

Una vita impostata su binari validi e poi il desiderio di cambiare, l’insorgere dell’esigenza di fare qualcosa di diverso, con una maggior corrispondenza ai propri valori.

Claudia Casati, una solida esperienza ventennale nel mondo finanziario, in particolare nella compliance e nella vigilanza di società quotate, ci racconta della sua rivoluzione professionale e personale, attraverso un percorso di Outplacement targato INTOO.

Non so, sarà l’età… – ci scherza su Claudia – sarà che con il Covid ho scoperto una vita più equilibrata, con il tempo e le energie per i miei interessi, me stessa e la mia famiglia.

Avevo una situazione sulla quale in molti avrebbero messo non una ma quattro firme, però non mi ci riconoscevo più. Ci è voluto un po’ di tempo per fare il grande passo, ho iniziato con una coach e mi sono decisa all’uscita dalla mia azienda… poi nel pacchetto ho chiesto l’outplacement per agevolarmi nel percorso di costruzione di una nuova avventura lavorativa e personale.

Qual è stata la molla che ti ha portata a deciderti al “salto nell’ignoto” verso una vita completamente diversa?

Vivevo un periodo di stasi che ha funzionato come uno stimolo nel ragionare su cosa fare, avevo una carriera alle spalle ma anche un lasso di tempo significativo davanti a me, nutrivo proprio il desiderio di motivazioni più alte. Non è stato semplice, ho fatto i conti con le immagini che avevo di me stessa, forse anche con la paura di deludere e di non essere capita, ma ho voluto ripartire dal mio desiderio, maturando la consapevolezza di non voler buttare via tutto quanto avevo costruito fino al giorno prima, ma di costruire qualcosa di nuovo in libera professione.

In cosa il percorso di outplacement ti ha sostenuta concretamente e aiutata?

La tutor che ha lavorato con me mi ha capita molto bene nelle mie due anime, la compliance e risk manager che ero e la nuova professionista che volevo diventare, armonizzando le due Claudia. Si può dire che abbia affrontato un percorso insieme alla sottoscritta, documentandosi sul profilo della “Professional organizer” che volevo diventare: una professione che ha origine nel mondo anglosassone, che non è regolamentata ma che sta prendendo piede anche in Italia. Siamo ripartite dalle mie competenze: ho fatto corsi, studiato e anche dato un esame per entrare in APOI, l’Associazione dei Professional Organizer in Italia.

Il percorso di Outplacement, in questa fase, mi è stato molto utile perché ha validato il ragionamento che stavo facendo tra me e me attraverso consulenti preparati, disponibili, aperti e precisi nei feedback… perché avevo un gran bisogno di capire e di capirmi.

Qual è stato il primo passo di questa rivoluzione?

Come prima cosa è fondamentale un cambio di approccio e di visione su sé stessi, poi sgorgano i passi concreti, più operativi, come il focalizzarsi sulla propria presentazione, articolata ed efficace; anche in questo una grande mano mi è stata offerta da INTOO soprattutto sui temi dell’elevator pitch e del curriculum inteso come una presentazione equilibrata e orientata alla mia nuova anima da consulente.

Ho fatto incontri 1 a 1 e ho percepito una corrispondenza perfetta con la consulente che mi è stata affiancata, in più ho seguito alcuni incontri molto utili sulla piattaforma, è un tool importante e ricco che può fare la differenza. L’ho trovata la giusta misura per me che avevo bisogno di essere seguita e spronata (perché non è semplice andare con le proprie gambe, anche con le migliori intenzioni, in un’avventura così), però rispettando i miei tempi. Devo dire che sono stata sostenuta nel percorso di consapevolezza di me stessa, delle mie competenze e potenzialità, attraverso un approccio pragmatico e serio.

Cosa ti rende più soddisfatta oggi?

Chi mi vede mi dice che ho cambiato faccia, mi piace quello che faccio e come lo faccio. Ho iniziato anche a valorizzare un aspetto sul quale prima non avevo mai investito: quello del network. Oggi so che da ogni incontro si impara e mi sono costruita una bella rete, anche facendo formazione, partecipando a eventi, provando sempre a collaborare e fare squadra.

Mi sento una persona intera, centrata, che porta ovunque questa pienezza. Ci vuole coraggio a fare una scelta di rivoluzione radicale della propria vita ma – per quanto mi riguarda – ora posso permettermi il lusso di scegliere ciò che corrisponde ai miei valori e ho una sfera lavorativa coerente con me stessa.

adminita

adminita

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...