Quando comodità fa rima con insoddisfazione

/di Roberta Cassina

Un posto di lavoro. Un posto, uno spazio. È una poltrona occupata che, pian piano, assume la nostra forma. Come una scarpa che si aggiusta sulla lunghezza precisa del piede, sulla larghezza esatta della pianta: diventa sempre più comoda, per dirla con un solo aggettivo. Il punto è che, quando una calzatura si adatta perfettamente, nel frattempo si è fatta anche un po’ sdrucita e smunta.

Così è il posto di lavoro. Dopo diversi anni è rassicurante: si entra ogni mattina in una struttura dove si conosce tutto, i colleghi (ognuno con il suo carattere), le procedure (scritte e non), le mansioni… Tuttavia, col trascorrere del tempo, anche la motivazione può “accomodarsi”. È normale. Ma quando ciò accade parallelamente si affievoliscono gli stimoli a imparare, a migliorare, ad alzare l’asticella dei propri obiettivi professionali. Insomma, per tornare alla metafora della poltrona, ci si siede.

Può andar bene così; in fondo molti professionisti hanno trascorso tutta la vita nello stesso posto di lavoro, ad occuparsi delle medesime cose.

Ma il mondo è cambiato. La concorrenza è molto più vasta, dai nativi digitali ai robot, a chi proviene da altri Paesi e conosce diverse lingue e culture.

Non ci si può fermare, se si vuole continuare a essere portatori di valore. Bisogna affrontare il rischio e uscire dalla zona di comfort. Tornare all’adrenalina dei primi giorni di lavoro, dove tutto era da imparare e da scoprire.

Magari si potrebbe portare l’esperienza manageriale acquisita in una realtà diversa, rimettendosi completamente in gioco.

Anche perché quando uno è fermo, statico, raramente è soddisfatto. E considerato il tempo che si dedica al lavoro, sentirsi appagati di quel che si fa è importante. Almeno bisogna provarci, per un minimo di dedizione a sé.

E se non ci sono le condizioni nel posto dove siamo, è giunto il tempo di cambiare.

È una sfida che parte dal rimettere a punto gli strumenti con i quali far sapere al mercato che siamo disponibili e interessati ad allargare gli orizzonti. È un lavoro nel lavoro. Soprattutto per chi da anni non fa i conti con recruiter, job board e quant’altro. Prima di tutto bisogna mettere a fuoco dove siamo arrivati e dove vogliamo andare; poi capire a chi comunicarlo e con quali mezzi.

 

Se hai bisogno di una mano per non perdere tempo in azioni inefficaci, chiedi ai consulenti di INTOO che in oltre 25 anni hanno accompagnato oltre 37.000 persone, è semplice: clicca qui.

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...