QUANDO L’HR DEVE DECIDERE

La nostra è l’epoca del paradosso.

Si assiste, da un lato, alla mancanza di posti di lavoro. Il tasso di disoccupazione sembra seguire una curva sinoidale che sempre ripresenta il conto di qualcosa che non va. Poche le competenze specifiche quando galoppa l’innovazione, mentre il sistema educativo-formativo arranca. Un gap, insomma, tra quel che il mercato richiede e quel che è la risposta di chi quel posto di lavoro potrebbe occuparlo. Inoltre, da qualche anno il mondo delle risorse umane si è ritrovato catapultato in una visione differente dalla conosciuta.

Gli organigrammi aziendali tendono sempre più a una logica orizzontale con sistemi e ritmi da start up, i manager si organizzano a gruppi di lavoro e non più secondo lo schema decisionale a piramide, lo smartworking che, prima per cogenza poi per convenienza, ha preso il posto dei badge e degli orari in ufficio.Ma, più di ogni altra cosa, le risorse umane hanno una nuova esigenza alla quale far fronte: come attrarre i nuovi potenziali occupati e come mantenere i talenti che già sono stati coinvolti.

I giovani, infatti, più di ogni altra fascia d’età non ragionano più per contratto a tempo indeterminato, per stipendio, ma sempre più pongono davanti agli HR aziendali due grandi condizioni: che il lavoro non divori il tempo libero disponibile e che sia a loro carico un progetto interessante. In fondo, richiedono quel che il lavoro dovrebbe offrire, senza arrestarsi alla semplice logica di una RAL più alta della precedente.

È una situazione di rispetto degli orari e del tempo dell’altro, di una distanza critica da quel che si fa, di un uso logico delle riunioni, che non possono essere uno spazio senza tempo. Il contratto, poi, non è più attrattivo di per sé, ma lo è quel che si è chiamati a costruire in azienda. Da questi due fattori dipendono la fiducia e la fedeltà della persona.

Ecco quel che un HR oggi si trova a vivere, un paradosso continuo, una contraddizione, un’innovazione insita in questi tempi d’evoluzione.Gli ingredienti sopra riportati sono utili ad attrarre il nuovo talento o a mantenere i lavoratori già inseriti. Ma come fare in modo che la soddisfazione non si riduca, che i valori aziendali continuino a far parte di una visione comune?

I cervelli, infatti, non basta conquistarli, bisogna anche mantenerli tali perché anche la mente più brillante può essere atrofizzata dalle procedure, dagli schemi, dalla routine, dall’eccessivo e dispersivo impegno. Un fattore importante che può far sì che il lavoratore decida e ri-decida di lavorare per la stessa azienda è puntare sull’employability.

Anche qui un paradosso: badare all’occupabilità significa fare in modo che il dipendente, al quale non si vuole rinunciare, risulti sempre adatto al mercato del lavoro, pronto a investire sul suo futuro. Sembra una contraddizione in termini, eppure non c’è altra strada, perché la soddisfazione professionale incrocia e costituisce un fattore determinante di quella personale.

adminita

adminita

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...