Sapevi che…lo sport aiuta il lavoro?

Iniziamo una staffetta dove lo sport passerà al lavoro tre testimoni: similitudine, soluzione e salute.

Lo sport come…

SIMILITUDINE

Si sente spesso dire che tra colleghi bisogna fare squadra, lavorare in team, che ci vuole un allenamento costante: sono i valori comuni tra l’agonismo e l’impiego, tra lo sport e il lavoro. Si creano anche spazi di affiatamento come i cosiddetti team building. Sì, per raggiungere un obiettivo, per fare goal servono l’assist di uno, il passaggio di un altro, il tiro in porta di un altro ancora. Tutto questo costruisce l’azione. Così è nel mondo dei professionisti dove non si può avere fiducia solo nelle proprie forze e è richiesto un aggiornamento continuo.

Energia, audacia, pazienza sono solo alcune delle caratteristiche che gli sportivi esercitano sul campo, in palestra, al parco. E sono alcune delle soft skills più richieste oggi dal mercato del lavoro. Un binomio, quindi, quello dello sport e del lavoro che apre la mente, fortifica il fisico, muta il temperamento.

 

SOLUZIONE

Non avere tempo per andare a correre, iscriversi in palestra e seguire i corsi o correre sul tapis-roulant è una delle frasi-refrain di chi lavora. “Sarebbe bello, ma quando?”: è una posizione poco lungimirante. Per lo stress da lavoro l’unica prescrizione è fare sport. L’azienda brasiliana Gympass ha individuato per ogni tipologia di impiego una specifica attività fisica da sviluppare: se si è impiegati lo zumba è una soluzione perfetta alla propria stanchezza, se si è proprietari di una società o imprenditori running è ancora la cosa più consigliata, il nuoto invece è per chi fa dei lavori sedentari che bloccano la schiena e il collo in posizioni ripetitive. Insomma, non ci sono più alibi quando c’è la soluzione al problema.

 

SALUTE

Cade ogni difesa nei casi in cui, e sono sempre più ricorrenti, sia l’azienda stessa a lasciare che il dipendente abbia cura di sé. Come? Riservando uno spazio fisico allo sport, palestra, piscina, sauna. Li chiamano benefit che si potrebbe tradurre come salute. Fare sport nel luogo di lavoro è una normalità in Svezia, Giappone, Paesi del Nord Europa. L’università di Stoccolma recentemente ha rilevato come si riduca del 22% la quota di certificati medici nei casi in cui si lasci del tempo per sgranchirsi i muscoli. Un vantaggio, quindi, per chi pratica e per chi lascia praticare.

 

Insomma, sport e lavoro sono una coppia che convola a nozze. Non resta che avere un coach che agevoli il passaggio dei tre testimoni, similitudine, soluzione e salute.

P.S. Vivamente consigliato: nel cv scrivere tra gli hobby lo sport, che è già e sempre una grande presentazione.

 

Scarica la Guida Gratuita “I 4 pilastri per la tua Carriera” e scopri cosa possiamo fare insieme!

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...