SUPER-SPECIALIZZATI O NON-QUALIFICATI: IL LAVORO SI È POLARIZZATO?

polarizzazione lavoro

Secondo la recente analisi dell’Ocse, c’è uno spartiacque tra i nati prima del 1970 e dopo. E quel che distingue e definisce i due insieme sono le competenze. Se ai nati prima di tale data venivano richieste capacità e una preparazione di medio livello, i più giovani si trovano in una situazione paradossale. A una buona quota non è più sufficiente un’istruzione media perché la preparazione richiesta è sempre più specialistica. A un’altra quota, invece, vengono proposti impieghi che nulla hanno a che vedere con gli studi svolti, ricoprendo così incarichi molto al di sotto delle loro aspettative e possibilità.

Un simile iato tra la preparazione media dei candidati e l’offerta alta o bassa del lavoro è stato rilevato anche dal Rapporto annuale dell’Istat. L’istituto italiano di statistica ha messo in guardia il Paese sostenendo testualmente che si registra “una polarizzazione tra le professioni più qualificate, da un lato, e quelle esecutive con livelli di autonomia molto bassi, dall’altro”.Che fare? La preparazione personale è l’unico ingrediente utile ad ambire alle posizioni più soddisfacenti. Attenzione, il Coronavirus ha estremizzato tale situazione, ma non l’ha generata.

L’occupazione italiana è caratterizzata da profili con competenze molto specializzate e altri impieghi ripetitivi che non  richiedono un valore aggiunto da parte dell’operatore.

Si tratta così, in quest’ultimo caso, di lavoratori ai quali non è proposta, da parte dell’azienda, una formazione continua, né il lavoratore ritiene utile imparare. Eppure, i campanelli di allarme sono numerosi, che venga richiesto o meno dal capo, è importante non fermarsi e continuare a coltivare il proprio valore e la propria employability.[vc_empty_space]Un esempio? Il lockdown ha costretto tutti a far fronte all’emergenza tramite le capacità digitali. Ebbene il virus non ha dato il tempo per acquisire tali conoscenze. È stato così che, secondo l’Istat, il mercato del lavoro ha subito un processo rapido che ha reso le competenze tecnologiche un fattore determinante per aumentare il valore del proprio ruolo in azienda, ma anche le probabilità di successo nella ricerca di un nuovo lavoro o la riduzione del rischio di disoccupazione.[vc_empty_space]“In questa prospettiva, carenze nelle capacità digitali possono, da un lato, ridurre la velocità di adattamento del nostro mercato del lavoro e, dall’altro, aumentare il rischio di segmentazione e diseguaglianza tra i lavoratori”: i dati Eurostat evidenziano un ritardo del Bel Paese che registra una maggiore concentrazione di occupati nella parte bassa delle abilità digitali – nel 2019 il 39% non ha nessuna o scarsa capacità – rispetto alla media UE (31%).[vc_empty_space]Un nuovo riposizionamento, allora, sarà possibile solo se si avranno in tasca le cosiddette high skills, quelle capacità che sono in linea con il mercato del lavoro globale, che rispondono a una formazione continua della persona e che, soprattutto, rispecchiano la volontà del singolo di non accontentarsi, non fermarsi, ma di fare della propria crescita personale il biglietto da visita migliore per il più ampio spettro di offerte lavorative.[vc_empty_space][vc_btn title=”Desideri maggiori consigli? Registrati gratis e incontra un Career Coach esperto!” color=”green” align=”center” link=”url:https%3A%2F%2Fwww.intoo.com%2Fit%2Fper-le-persone%2Fcareer-coaching%2F|target:_blank”][/vc_column][/vc_row]

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...