Tra palco e realtà: il colloquio di Obama

colloquio Obama

di Raffaele De Simone /

Poniamo lo strano caso di essere riusciti nell’impresa di farci eleggere Presidente degli Stati Uniti d’America. Quale nuovo step di carriera potremo aspettarci di compiere a fine mandato? Bella domanda, che pare assurda e lontana dalle vite di noi tutti comuni mortali. Ma forse meno di quanto appaia…

Quando si è entrati nel mondo del lavoro decenni fa, in un Paese gravido di occasioni e di futuro, le regole e le prospettive dell’elevator professionale non erano certo quelle di oggi. Si cresceva per merito e per esperienza, era considerato normale far carriera e veder salire stipendio e ruolo proporzionalmente all’età, all’impegno e alle competenze raggiunte.

Il mondo è cambiato, i Millennials lo sanno, ma lo sanno bene anche tutti coloro che hanno raggiunto posizioni apicali e che oggi – per le ragioni più diverse – devono trovare il modo di ricollocarsi in un contesto che nulla ha a che fare con quello nel quale hanno iniziato.

Un po’come Barack Obama che non farà il Presidente USA per sempre, la Costituzione a stelle e strisce parla chiaro, e allora? Eccolo prestarsi, fatto più unico che raro, a un divertente quanto emblematico sketch per The Late Show – perla targata CBS – dove si sottopone a una simulazione di colloquio.

Qui veniamo a noi: “55 anni, pessimo momento per un uomo per ricominciare da capo” lo incalza da subito il consulente professionale. E poi via con una serie di quesiti e consigli che provano a inquadrare la storia, assolutamente fuori dalle righe, di uno degli uomini più influenti del pianeta all’interno dei parametri standard di un CV. L’interview è eccezionale, vale la pena perdere qualche minuto per ascoltarla. (clicca qui)

E c’è un punto importante anche per chi non fa Obama di cognome; il mondo delle HR parla una lingua tutta sua, procede per keywords, si alimenta di ricerche di profili che occupino specifiche caselle: inglese C1, laurea magistrale, ruolo di key manager presso realtà competitor negli ultimi tot anni etc… Nello sketch il consulente chiede ad Obama la ragione per la quale non ha ottenuto “promozioni” durante i suoi mandati, la risata che ne consegue è genuina ma il messaggio è chiaro e corretto: la stasi professionale viene ritenuta un fattore negativo dai selezionatori e Randy – che fa questo per vivere – lo sa bene.

Insomma, se il nostro curriculum non risponde a determinate richieste non verrà nemmeno considerato. Anche se la nostra candidatura potrebbe rappresentare un autentico valore per una specifica posizione aperta.

Che fare? Due consigli.

Prima di tutto, se per parlare con un qualunque interlocutore ci sforziamo d’utilizzare la sua lingua, anche nel mondo della ricerca del personale è essenziale saper utilizzare un codice di comunicazione efficace. Insomma bisogna conoscere le regole del gioco, o avere qualcuno accanto che ce le insegni.

Poi, essere coscienti che di CV ne arrivano a valanghe in qualsiasi settore, il punto è distinguerci, trovando chi è in grado di cambiare angolo di veduta sulla carriera professionale che abbiamo alle spalle e scovare la chiave per proporci al mercato con un accento personale e unico.

La sintesi potrebbe essere: stare dentro e fuori dagli standard, rispondere agli schemi per venir trovati e travalicarli per essere scelti.

—> Visita Build My Career – La Tua Consulenza di Carriera

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...