TUTTI I CONSIGLI PER LA MAMMA CHE LAVORA

Speciale festa della mamma: tutti i consigli per la mamma che lavora

È la festa della mamma. E allora non lesiniamo gli auguri a chi non lesina mai il suo impegno, soprattutto se è una mamma che lavora.Sì perché la mamma che lavora la riconosci subito, ha la testa in mille cose e l’agenda fittissima di appuntamenti disparati: la piscina del piccolo, la conference call con il cliente americano, la festa di compleanno a cui accompagnare la grande, un to-do infinito su post-it volanti e sull’agenda del telefono.

Auguri mamma. A te che ce la fai e a te che pensi di non farcela più.

Perché il lavoro alle volte è una scelta, alle volte è un’opzione obbligata. Per tutte è un percorso delicato, che attraversa fasi diverse. In inglese c’è una parola chiave che descrive tutto questo: work-life balance. Che in italiano si traduce: camminare sulle uova.

Sì perché “equilibrio” non rende bene l’idea di una persona che prova a mettere il 100% di se stessa in tutto quello che fa, ma fa tante cose, e oltre il 100% non può andare.Soprattutto in quel momento particolare che è il rientro dalla maternità. Un bimbo piccolo lasciato ai nonni o all’asilo nido e la testa che corre sempre lì, le mani che vanno alla galleria immagini dell’I-phone.Al lavoro non è facile perché nulla è come l’avevi lasciato. Il posto di lavoro non è più lo stesso, perché il tempo è passato e le circostanze si sono modificate, tanti fatti sono avvenuti in tua assenza e tu devi ritrovarne il bandolo.

E poi sei cambiata tu.

Sei cambiata: ora sai che puoi gestire la tua vita e anche una creaturina che non può stare senza di te. E se puoi crescere qualcosa di così sacro come una vita, puoi affrontare anche una transizione lavorativa.Il tuo reinserimento positivo e proattivo è un valore per l’azienda e per te stessa. Non farti spaventare dalla nuova condizione. Si può continuare sulla “vecchia” strada, ma anche prendere in considerazione un ri-orientamento del percorso professionale. Cosa ci sarebbe di male?L’importante è mantenere una visione d’insieme. La bussola del cambiamento dovrà avere un “nord” chiaro, cioè la valorizzazione e il perpetuo aggiornamento delle competenze.Continua a investire su te stessa, come lavoratrice e come mamma, come persona nella sua globalità.C’è un asso nella manica che hanno tutte le mamme: la straordinaria capacità di ottimizzare il tempo, di renderlo “di valore”. In questo senso, perché non valutare l’home working per alcune giornate? Il lavoro agile consente di gestire al meglio il nuovo work-life balance.

Auguri mamma!

[/vc_column][/vc_row]

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...