VALORI: L’ASSE STRATEGICO PER ATTRARRE TALENTI E CRESCERE

Valori

Chi vince nella classifica dell’employability

La fascia d’età tra i 30-35 e i 45 anni è la più appetibile per il mercato del lavoro odierno e, infatti, si sta dimostrando la più dinamica.

Sono profili non più junior, hanno già una certa esperienza alle spalle, ma conservano quella curiosità, quella freschezza, quel desiderio di crescita in grado di portare grande valore aggiunto. In più, dimostrano generalmente familiarità con gli strumenti e i processi tipici dell’evoluzione digitale e non hanno ancora raggiunto l’apice della potenzialità retributiva. Sintetizzano nel proprio profilo, insomma, una serie di caratteristiche che li rendono più employable di altri.

Come attrarre e mantenere i talenti

Rovescio della medaglia: sono i più complessi da mantenere ingaggiati.

Sanno di “aver mercato” e hanno aspettative alte che non sono disposti a negoziare; non lavorano solo per mantenersi, portano nel lavoro un desiderio di realizzazione multisfaccetata che comprende, ad esempio, il giusto equilibrio che li abilita a vivere un’esistenza piena su più fronti: il tempo della formazione, il tempo del benessere, il tempo delle relazioni, il tempo per godere della bellezza.

E poi guardano ai valori, li pesano e decidono in base ad essi. Il sistema valoriale della propria azienda ha – per questa fascia d’età – un peso ben più alto che in passato. E questo è dimostrato dalla gran massa di dimissionari che ha indicato come ragione principe della propria decisione la non corrispondenza valoriale. È un punto centrale per le aziende, che dev’essere compreso nella sua portata, in particolare da chi si occupa delle risorse umane, perché ha un potere anche d’attrazione notevole.

Le società valoriali valgono di più

È, insomma, una rivoluzione silenziosa che è partita dai giovani adulti e si è allargata, coinvolgendo la società tout-court. Tanto che – sono dati pubblicati dal Sole24 Ore – i brand guidati da valori solidi crescono del 10% in più all’anno, dimostrando con i fatti e mettendo in mostra come aspetto prioritario delle loro scelte commerciali e strategiche valori etici, sostenibili solidali.

Ecco, dunque, che la sfera “soft” si fa “hard”, l’intangibile si fa tangibile traducendosi in numeri e riscontri che premiano chi sa mettere i valori al centro, con investimenti e direzioni chiare e consistenti, solide nel tempo.

Set valoriali e performace sono interconnessi, laddove la forza del brand è legata a doppio filo al suo significato: non più un semplice logo, ma l’essenza del suo purpose per attrarre talenti e acquisire nuove quote di mercato.

Wp_Admin
Wp_Admin

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...