Web Reputation: 5 consigli per gestirla al meglio

web reputation

di Tommaso Ragno /

Web Reputation: l’immagine e le informazioni che sono presenti online e che ci riguardano. Oggi la dimensione offline e la dimensione online non possono essere più considerate entità distanti e separate ma vanno pensate in continua interconnessione.

In questo post forniremo 5 utili suggerimenti a tutte quelle persone che vogliono comprendere come gestire la propria reputazione digitale, monitorarla e utilizzarla per condividere le informazioni che davvero possono esser utili per comunicare la propria professionalità.

Cominciamo…

1) CHECK UP GENERALE

Prima cosa importante da fare è un check up sulla presenza online, come?

  • Googlatevi e Bingatevi: digitate il vostro nome e cognome su Google Bing (principali motori di ricerca) e osservate quali informazioni vengono rilevate. Ricordatevi di cliccare anche su “immagini” per avere una panoramica fotografica di voi online.
  • Fate una lista di tutti i canali social media che nella vostra vita avete aperto: cercate di capire quali usate con una certa quotidianità e quali invece avete smesso da tempo di utilizzare (e chiudeteli). Capite inoltre quali account volete utilizzare per comunicare le vostre competenze professionali.

2) SCEGLIETE LA VOSTRA STRATEGIA

Ognuno di noi porta con se’ un brand: il proprio nome e cognome. Questo “brand” sarà quello che permetterà alle persone di trovarci e identificarci. Assicuratevi di non avere omonimi e, in caso contrario, adottate una strategia per differenziarvi (può essere utile semplicemente accorciare il proprio nome e cognome o aggiungere una competenza vicino o una caratteristica saliente di voi stessi).

Identificate gli argomenti di cui volete parlare, per i quali desiderate farvi conoscere e individuate quindi quali canali online sono più idonei per trasmettere la vostra professionalità: Blog, Sito Web, Twitter, LinkedIn, Facebook, Instagram, ecc.

3) PRIVACY

Ricordate che i social non sono sempre “i cattivi della situazione” ma che le informazioni che troviamo online esistono perché le abbiamo fornite noi in qualche modo. Il coltello dalla parte del manico lo abbiamo noi grazie alle impostazioni di Privacy. Assicuratevi di averle impostate correttamente e che sia visibile solo ciò che volete che lo sia.

4) MONITORAGGIO

Il monitoraggio della presenza online è un fattore chiave sia per chi è alle prime armi sia per chi ha già avviato una strategia di presenza online elaborata. Esistono degli strumenti gratuiti che possono aiutare a controllare la reputazione digitale.

  • Google Alert: utile strumento che permette di ricevere notifiche in riferimento alle parole chiave che vengono inserite (nome e cognome, settore, competenze, ecc.)
  • Kred: sito web gratuito sul quale è possibile comprendere il proprio indice di reputazione digitale in riferimento a determinati account social e determinate keywords.
  • SSI: il social selling index di Linkedin può essere uno strumento importante per monitorare il proprio livello di influenza sul Social Business Network e comprendere i punti di forza e debolezza da implementare o correggere.

5) OSATE

Infine non abbiate paura di sbagliare, molti strumenti digitali si cominciano a comprendere a fondo proprio provando e riprovando. Non abbiate paura di scoprire funzioni o di sperimentare nuove metodologie comunicative. Cominciate a scrivere piccoli articoli, può essere un utile strumento per aumentare la vostra reputazione digitale.

 

Desideri approfondire l’argomento? I nostri Consulenti di Carriera sono a tua disposizione. Guarda il video.

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...