EMPLOYABILITY? È UNA TUA RESPONSABILITÁ

 Due concetti per l’Employability

Due sono i concetti chiave per blindare la propria employability: proattività e responsabilità. E sono fortemente legati tra di loro. Essere proattivi significa, infatti, prendere coscienza della situazione e assumersi la responsabilità di come reagire a ciò che avviene intorno a noi.

Stephen Richards Covey, educatore, scrittore e uomo d’affari statunitense diceva che ognuno di noi «è il prodotto delle decisioni prese, non delle circostanze». Dunque: “io posso”, “io scelgo”, “io agisco”. E in un contesto di mercato volubile, destinato a cambiare con ritmi sempre più rapidi, la responsabilità di studiare il settore di riferimento, l’evoluzione del business della propria azienda e della propria famiglia professionale spetta per il 50% al singolo individuo.

La restante parte spetta all’azienda che, dal canto suo, avrà il compito di aiutare le persone a trasformare le loro competenze per adattarle ai nuovi obiettivi. Un’evoluzione, partita durante il periodo pre-pandemia, che rende aziende e persone consapevoli della necessità di un apprendimento continuo e autonomo. Le organizzazioni, oggi non devono più imporre ai dipendenti corsi da seguire, piuttosto devono aiutarli a individuare le capacità hard, ma soprattutto soft, più richieste dal mercato e favorire la loro crescita professionale con un’offerta formativa diversificata e di qualità.

Primo: mantenere il lavoro nel tempo

Un nuovo panorama dunque, dove il lavoratore diventa regista del suo futuro professionale, per accrescere professionalità e risultati e adattarsi con rapidità ai cambiamenti richiesti dall’ambiente interno ma anche esterno all’azienda. Proprio quello che, in tempi non sospetti, sosteneva Sumantra Ghoshal, professore di  management strategico e internazionale alla London Business School. Per lui, infatti, l’employability è la capacità, per chi ha un lavoro, di mantenerlo nel tempo, rendendo possibile un passaggio da un ruolo a un altro nella stessa organizzazione, soddisfacendo i requisiti richiesti per ricoprirlo. E per chi si deve ricollocare, è invece, la capacità di trovare rapidamente un lavoro, grazie al livello di spendibilità delle proprie competenze.

Ed è su questi due punti che ognuno di noi ha la responsabilità di agire. Perché negli ultimi anni il contesto economico da una parte ha spinto il mercato del lavoro a disporre di strumenti di immediata ed efficace decodifica del reale possesso delle competenze professionali vantate, dall’altra ha costretto le aziende ad accelerare i processi di cambiamento e ad avere al proprio interno un elevato e aggiornato livello di competenze per poter continuare a crescere.

Secondo: non avere un ruolo passivo in azienda

In questo contesto, i lavoratori che desiderano essere spendibili sul mercato, devono per forza di cose tenere allenate le proprie conoscenze e acquisire quelle che non posseggono. Per evitare di perdere tempo prezioso e denaro tre sono i passaggi strategici da compiere. Primo: avere la consapevolezza di cosa si è fatto o meno per restare allineati alle nuove esigenze delle imprese. Secondo: individuare i gap da colmare per restare competitivi. Terzo: sviluppare la responsabilità di restare occupabili nel lungo tempo.

Ma è altrettanto strategico non vivere passivamente il proprio ruolo in azienda. Ciò significa ampliare il proprio orizzonte e imparare a guardare anche oltre il muro del nostro ufficio per avere il polso del mercato, delle nuove tendenze in atto e per capire in quale direzione sta andando la nostra organizzazione e il nostro ruolo. Partecipare a fiere, eventi, avere rapporti con fornitori, clienti, ex colleghi, fare networking può indubbiamente aiutare a gestire al meglio la nostra carriera e l’attività quotidiana.[vc_empty_space]

Dai nuova vita alla tua carriera: ricevi consigli e tecniche per affrontare il mercato del lavoro

[vc_btn title=”Iscriviti ora” style=”classic” color=”green” align=”center” link=”url:https%3A%2F%2Fit.myintoo.com%2Flogin%3FreturnUrl%3D%252Fmembers%252Fhome”][/vc_column][/vc_row]

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...