HEAD HUNTER: NON ESISTE UNA FORMULA MAGICA PER FARSI NOTARE, MA SI PUÒ FARE

HUNTER

Non esistono trucchetti rapidi e indolore per farsi notare dagli head hunter.

Partiamo dallo sfatare questo mito, non c’è la combinazione vincente che matematicamente adeschi i cercatori di teste. Esiste però un lavoro strategico che si può mettere in atto e che dà risultati nel tempo per essere interessanti e attrattivi per il mercato.

L’head hunter cerca competenze, cerca attitudini, cerca sistemi di valori coerenti con la posizione aperta che ha per le mani e tutto questo deve essere esposto, in vetrina, così che colpisca chi è alle prese con una ricerca.

Dovremo dire chi siamo.

Il primo consiglio utile, dunque, è non nascondersi, prendere posizione. Ci vuole costanza e determinazione perché può apparire più prudente stare nelle retrovie, fare bene quello che si è chiamati a fare e aspettare che i risultati parlino da soli. È una verità, che deriva anche da una certa tradizione di generazioni precedenti, ma è solo una parte della realtà dei fatti. Perché il rischio è che, in questo modo, le nostre qualità rimangano note solo all’interno del cerchio delle relazioni prime, le più dirette.

È necessario saper fare ma anche saper raccontare se vogliamo accelerare il processo di considerazione da parte degli head hunter. Sono due aspetti della stessa medaglia. Ed ecco perché è tanto rilevante ritagliarsi letteralmente del tempo in agenda da dedicare agli strumenti della propria comunicazione. Raccontare i progetti affrontati, gli ostacoli incontrati sul cammino, il metodo scelto per superarli e i risultati raggiunti. Senza contare che, in un percorso di questo genere, si avranno compagni di viaggio da ringraziare per il contributo apportato e menzioni da fare, insomma sarà anche una grande occasione per consolidare la propria rete e magari farsi notare sul network degli altri.

Per comunicazione di sé si intende naturalmente la vita di relazione online e offline, una vita attiva con una partecipazione contributiva, che online significa pubblicazioni costanti e di riflessione nonché l’impegno su gruppi verticali; mentre offline, nella “vita vera” la presenza a meeting, eventi, conferenze non da spettatore ma da interlocutore, quando non da relatore. Chi pone domande, chi problematicizza per uno scopo positivo e costruttivo viene notato, chi porta all’attenzione un caso non-noto o un metodo diverso di affrontare un problema comune viene ricercato perché verrà percepito come utile e aperto all’altro.

L’errore da non compiere è quello di una rigida chiusura su di sé, è la rete che allarga il nostro spettro d’azione e dunque la nostra “notorietà”, non puntiamo a far sempre tutto da soli, abbiamo bisogno di professionalità multiple, verticali, complementari che possono darci un contributo e agli occhi dei quali ottenere un solido posizionamento.

Dovremo dire chi siamo ai giusti Head Hunter.

Anche nel lungo cammino per farsi notare da un head hunter, è necessario sapere come evitare di perdere tempo in attività inutili. Il lavoro che abbiamo delineato poco sopra è utile se svolto con i giusti interlocutori, mi spiego: è estremamente faticoso essere notati in una cerchia molto larga di professionisti e non è nemmeno particolarmente fruttuoso, dobbiamo lavorare su chi è specializzato nel nostro settore. La mappatura di head hunter settoriali in cerca di profili manageriali è complessa, certo, ma è la chiave di riuscita del processo.

In sintesi, se si è alla ricerca di una nuova sfida professionale, la golden rule è quella di massimizzare l’efficacia della fase di recruiting con head hunter e responsabili delle risorse umane di aziende interessanti mettendo in atto una strategia di emersione (online e offline) delle proprie qualità in contesti che prevedano la presenza di specialisti del settore di nostro interesse o di ruoli altamente qualificati.

Un valido aiuto nell’affrontare questo percorso, dalla mappatura del mercato allo sviluppo degli strumenti di comunicazione del proprio brand e alla strategia di utilizzo è offerta da professionisti del settore, disponibili a fornire una consulenza specializzata per ottimizzare i nostri risultati e farci trovare da head hunter e responsabili delle HR.

Wp_Admin

Wp_Admin

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...