NETWORKING: LINKEDIN È UTILE PER ALLARGARE LA RETE?

Come venire a conoscenza di un’occasione di lavoro che sembra tagliata su misura sul nostro profilo? La soluzione è il networking!
Il networking è uno strumento potente ma in cosa consiste? È una rete, un sistema di conoscenze relazioni che hanno la nostra persona al centro. Il networking ci rafforza e arricchisce al punto da aprirci nuove porte.

Ci sono però errori da non commettere, ne abbiamo parlato nel nostro blog.

Networking: non una scorciatoia, ma interazione per fare nuove conoscenze

In Italia, in un passato anche recente, si è frainteso il networking con scorciatoia, come se fosse un sinonimo di raccomandazione.
Ebbene, è ormai tempo di disambiguare il termine: il networking è la capacità di interagire con persone che si conoscono, per arrivare a conoscere altre persone. Conseguentemente si creano nuove opportunità con le quali, altrimenti, non saremmo mai venuti in contatto.
Mettendoci in gioco generiamo nell’interlocutore un interesse ad ampio spettro, un giudizio positivo, una sorta di fiducia nelle nostre potenzialità. È un’esperienza ricca di imprevisti, sorprese.

La strategia dietro il networking: competenze, interlocutori e contenuti

Tuttavia, perché tali tappe si attuino, è necessaria una strategia di medio periodo. Partiamo dalle nostre competenze per individuare il giusto interlocutore per un determinato argomento e da lì prendiamo il largo. Potrebbe non accadere nulla, è vero, ma il tentativo di aprire nuove strade è sempre preferibile al rimanere fermi.

LinkedIn: consigli per aumentare il network

In questo senso, uno strumento utile per incrementare una positiva rete di rapporti è LinkedIn, il social network che mette in collegamento i professionisti.
Il nostro “volto” sulla piattaforma deve essere presentato con il linguaggio proprio di LinkedIn: non è un curriculum vitae online, ma un mezzo per fare networking.
Si inseriscono le proprie esperienze lavorative e l’educazione ricevuta, i premi conseguiti, i corsi di formazione e i link utili a farci conoscere.
La descrizione deve essere concisa e chiara, riportando esperienze e obiettivi. È una vetrina valida per farci notare, dove ci si distingue per le proprie competenze nelle discussioni che prendono il via all’interno della rete.

Contenuti e relazioni di qualità

In questo senso, LinkedIn non dev’essere inteso come un profilo immobile, ma una bacheca di contenuti da arricchire con post di nostro pugno o interazioni a quelli dei nostri contatti. Un ottimo strumento per fare rete sono i gruppi, collettori di persone di un determinato settore professionale o accomunati dalle stesse passioni.

Ma attenzione, come nella vita “offline”, anche su LinkedIn non vale tanto la quantità, quanto la qualità dei rapporti.

Lo sai che bastano 9 minuti al giorno per costruire un network di successo? Scopri come leggendo questo articolo. Desideri maggiori consigli? Registrati gratis e incontra un Career Coach esperto!

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...