10 Consigli per i Papà al Lavoro

AUGURI A TUTTI I PAPA’

“Il desiderio dei papà di essere più presenti e partecipi nella vita dei figli è oggi cruciale nel work-life balance familiare – commenta Alessandra Giordano, Direttore Delivery di INTOO -; dal nostro punto di vista, poi, considerando anche la sensibilità sulla diversity da parte delle aziende, riteniamo molto positiva la crescente richiesta di coinvolgimento in sessioni di coaching anche da parte degli uomini. Ricoprendo spesso anche incarichi di responsabilità, possono oggi diventare davvero agenti e protagonisti di un cambiamento culturale. Il loro contributo attivo nel doppio ruolo genitore-professionista può essere, infatti, realmente utile nel contrastare l’abbandono del lavoro da parte delle donne che ancora nel 2016 erano circa 30mila tra le mamme di bambini entro i 3 anni di vita*”.

INTOO, la società leader di Gi Group leader nei processi di Sviluppo e Transizione di carriera aiuta da più di 20 anni impiegati, manager e dirigenti ad affrontare efficacemente il Mercato del Lavoro attraverso percorsi strutturati e taylor made.

In vista della Festa del Papà desideriamo regalare un decalogo di consigli utili per i padri attuali e futuri:

  1. Comprendere – per gestire il cambiamento, come persone e professionisti: la nuova condizione porta importanti cambiamenti; affidarsi ad un coach professionista può essere utile per creare la nuova identità genitoriale e per continuare ad essere protagonisti della vostra vita privata e lavorativa gestendo al meglio il vostro nuovo ruolo di genitore insieme agli altri ruoli attivi.

2. Pianificare con anticipo: già durante l’attesa della nascita del figlio/a cominciate ad immaginarvi papà e pensate a come vorreste vivere questa nuova responsabilità. Immaginare come agire il proprio ruolo e avere chiaro un obiettivo aiuta a creare le azioni necessarie a realizzarlo.

3. Mantenere una visione d’insieme: permette di comprendere come conciliare esigenze familiari, professionali e personali. ll genitore al lavoro ha un nuovo doppio ruolo e deve rispondere alla ricchezza e alla complessità delle richieste esterne ed interne in termini di aspettative.

4. Accrescere la fiducia: un atteggiamento positivo nella coppia favorisce complicità e vicinanza emotiva familiare e facilita una visione di efficacia di sé nella propria quotidianità professionale e non solo.

5. Confrontarsi: il confronto aiuta a ridimensionare le problematiche che si stanno affrontando in ambito lavorativo e familiare e a trovare nuove soluzioni anche con altri genitori.

6. Curare le relazioni: solo un clima di ascolto reciproco e confronto può consentire, infatti, a vostro figlio/a di crescere sereno. La genitorialità non deve portare chiusura, continuate a curare la vita sociale.

7. Rivedere le proprie priorità: con la paternità gli equilibri cambiano, definite le nuove priorità con chi vi sta accanto, condivideteli e perseguiteli insieme, per fare insieme le scelte e favorire così sia la vostra soddisfazione personale, familiare e professionale sia quella della vostra compagna.

8. Ottimizzare il tempo: cercate di massimizzare ciò che fate, per migliorare la qualità della vostra vita gestendo in modo positivo il ruolo paterno in tutte le sue potenzialità. Potrete ritagliarvi spazi anche per voi senza essere “mancanti”.

9. Lavorare SMART: se possibile proponete una formula di lavoro agile e flessibile, che vi consenta di gestire al meglio il nuovo work-life balance.

10. Accrescere le competenze: venite in contatto con nuovi compiti e nuove emozioni, imparate a valorizzarli per vivere appieno il nuovo ruolo. Questo può portarvi diversi vantaggi ed accrescere il vostro valore a più livelli, anche sul lavoro. La paternità porta con sé nuove competenze.
“La ricchezza e complessità del ruolo genitoriale, raccogliendo anche le aspettative interne ed esterne al nucleo familiare, è davvero, come non mai, una grande palestra di soft skills utilissima in fondo a entrambi, mamme e papà – conclude Alessandra Giordano -. Da non sottovalutare, infine, il valore del networking; anche in questa condizione personale, il confronto con altri genitori oltre che all’interno della famiglia, rappresenta una grande possibilità di superare meglio insieme le difficoltà, vivere appieno la genitorialità, partecipare di più alla vita lavorativa della propria compagna e di riflesso migliorare anche la propria”.

Vuoi approfondire una Consulenza sulla tua Carriera Professionale? Clicca qui e Registrati Gratuitamente per scoprire i nostri percorsi [vc_btn title=”Scopri di più” align=”center” link=”url:https%3A%2F%2Fit.myintoo.com%2Fregistrationintoo%23personal_data|target:_blank” css=”.vc_custom_1639405850991{background-color: #ffffff !important;}”][/vc_column][/vc_row]

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...