IL DOPO CORONAVIRUS LA PSICOLOGIA DEL RIENTRO

dopo il Coronavirus, la psicologia del rientro

Il Coronavirus ha sconvolto la normalità. Tutta. Uscire di casa, portare i figli a scuola, andare al lavoro, fare la spesa. Fino a vivere o morire. Nulla è stato più scontato e, ancora oggi, non ci sentiamo più sicuri come nel tempo pre-Covid.

La fragilità è il nuovo segno che troviamo sui nostri visi, oltre a quello delle mascherine. Alcuni diritti costituzionali non hanno più avuto la possibilità di essere intesi come di consueto, come la libertà di movimento e azione che si è sfilata dal nostro quotidiano. E uno spaesamento ci ha colto di soppiatto, ma profondamente. Da ultimo, il lockdown per numerose persone ha coinciso con il rimanere a casa e continuare a lavorare. E la modalità di lavoro, che spesso ha accelerato e incrementato le attività, ha stressato alcune condizioni familiari, costringendo ognuno a imporsi un ordine nella giornata.[vc_empty_space]Secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità, “l’isolamento, la paura, l’incertezza, le turbolenze economiche causano o potrebbero causare sofferenze psicologiche“: questo è il contenuto di un rapporto sulle conseguenze del Coronavirus presentato all’Onu pochi giorni fa. La conclusione è un appello destinato ai Governi: anche la salute mentale, oltre a quella fisica e alla ripresa economica, deve essere messa in primo piano.[vc_empty_space]Una richiesta, questa, che trova già conferma in alcune statistiche italiane. L’Istituto Piepoli ha condotto un’indagine per il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi.  Ad oggi la paura non è solo causata dalla malattia: il 62% degli italiani, infatti, pensa di aver bisogno di un supporto psicologico per affrontare il ritorno alla normalità. Chiedono, anche, che sia il sistema pubblico ad assicurare l’assistenza necessaria. Il 72% lo ritiene essenziale anche nei luoghi di lavoro.[vc_empty_space]Nell’attesa le soluzioni sono le più svariate e fantasiose: come Lucy, la prima psicoblogger virtuale creata dalla startup Heres per il Centro Medico Santagostino di Milano. Un chatbot, quindi, che risponde alle domande più frequenti: “Come riconosco i sintomi di una depressione?”, “Cos’è un attacco di panico?”, “Quanto dura in media un percorso di psicoterapia?” e Lucy accompagna gli utenti in brevi percorsi di psicoeducazione.[vc_empty_space]Per toccare con mano il bisogno reale, basti pensare che in soli sette giorni sono state 30mila le telefonate al numero verde di supporto psicologico messo in campo dal ministero della Salute e dalla Protezione civile per aiutare i cittadini nell’emergenza. E tante richieste di aiuto arrivano da lavoratori timorosi di perdere il posto.[vc_empty_space]Se potessimo disegnare i sentimenti negativi degli italiani post lockdown questa sarebbe la realizzazione:

affetto-negativo-covid[vc_empty_space]Angosciato, nervoso, spaventato, turbato. A tracciarli è il Barometro Salute Mentale e Benessere psicologico che mappa il  durante e dopo l’emergenza Covid-19, attraverso resoconti forniti da un’ampia rete di psicologi e psicoterapeuti sulle relazioni di sostegno in corso.[vc_empty_space]Questi sono i dati, le analisi e la rappresentazione di un periodo postbellico.

Oggi siamo in un momento di ricostruzione. Senza l’illusione di essere immuni dal rischio, ora è tempo di ripartire.[vc_empty_space]Ma non si può ripartire da zero, cercando di cancellare quel che è accaduto, come sofferenza o preoccupazione. E non si può pensare di essere quelli di prima.

Ripartire significa custodire quel che si è vissuto come un trampolino, come una rampa di lancio, come un primo passo per poterne fare un secondo.

Le conseguenze del Coronavirus in noi non faranno che acuirsi se cerchiamo di nasconderle.[vc_empty_space]La cultura occidentale è forse più formale, rispetto a quella orientale. In Giappone c’è un’antica arte, il kintsugi, che insegna una mentalità inversa dall’essere irreprensibili e il sembrare perfetti. Secondo il kintsugi quando una ciotola si spacca, la ceramica, rinsaldata in tutti i suoi pezzi, acquista una bellezza nuova, fatta di venature che prima della rottura non potevano esistere.[vc_empty_space]Ecco, il Coronavirus ha lasciato in noi queste venature, vere e proprie cicatrici; una lezione orientale ci accompagna ad ospitare le nostre fragilità. E, ripartire così, tutti interi, con nuove scoperte rinsaldate.[vc_empty_space][vc_btn title=”Desideri maggiori consigli? Registrati gratis e incontra un Career Coach esperto!” color=”green” align=”center” link=”url:https%3A%2F%2Fwww.intoo.com%2Fit%2Fper-le-persone%2Fcareer-coaching%2F|title:Career%20coaching|target:_blank”][/vc_column][/vc_row]

elizabethkirk1

elizabethkirk1

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...

QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”
QUANDO LE AZIENDE SOGNANO IL “POSTO FISSO”

È necessario che le aziende puntino anche sulla formazione continua per mantenere alto l’engagement sul posto di lavoro Sono triplicati, in dieci anni, gli insoddisfatti del proprio posto di lavoro. Il dato è recentissimo, fa riferimento alla media italiana, e...

Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly
Gi Group Holding acquisisce le attività europee di Staffing di Kelly

Gi Group Holding ha annunciato di aver completato con successo l'acquisizione delle attività europee di Staffing di Kelly Milano, 3 gennaio 2023(Nasdaq: KELYA, KELYB), leader a livello mondiale in soluzioni specializzate per i talenti. L’operazione rappresenta la più...