SAI ACCOGLIERE IL FEEDBACK?

Il feedback come strumento per aumentare l’engagement delle persone

Coinvolgere le persone negli obiettivi e nelle strategie dell’azienda è forse una delle migliori strade per farle sentire parte e protagoniste della mission aziendale. E se alla base della great resignation, che tanti grattacapi porta alle aziende, c’è il patire, il soffrire un non-coinvolgimento (nonostante magari i lunghi anni di lavoro presso la stessa realtà, con impegno e dedicazione) allora è il caso di approfondire e di lavorare su questo tema. Non solo da parte dell’HR o dei capi perché non è sempre facile ricevere i feedback richiesti.

Come accogliere i feedback

Bisogna essere capaci di accoglierli, leggerli nel modo corretto. Innanzitutto, partendo dalla presa di coscienza che chi si scomoda a darci un feedback ha impiegato del tempo e delle risorse per noi. Questo tema è centrale perché ci aiuta a comprendere che se siamo oggetto di feedback da parte delle risorse umane o del capo è perché siamo d’interesse, lo è il nostro lavoro e lo sono anche i risultati che portiamo.

Dunque, mettiamoci nella predisposizione d’animo per accogliere il feedback come occasione di crescita, di riflessione sul nostro fare a partire dal punto di vista di un altro. È uno sforzo che ci si chiede, quello di porci in un’altra prospettiva e provare ad osservarci in azione dentro un perimetro – quello aziendale – che ci comprende e trascende. La predisposizione al cambiamento, la volontà di miglioramento è prima di tutto un mindset prezioso, che con il passare del tempo tende a scolorirsi e invece dobbiamo mantenere vivo, consapevoli che è per la nostra crescita e per la nostra soddisfazione.

Feedback: un’ispirazione per crescere e metterci alla prova

Perché un lavoro che cambia e ci richiede un cambiamento è un lavoro che non ci annoierà, che manterrà viva la nostra curiosità, che continuerà ad appagarci, dove potremo dare un contributo diverso… Accogliamo, dunque, i feedback non come se sottolineassero il nostro errore, ma come ispirazione a crescere. Da questa consapevolezza sgorgherà quindi la volontà di metterci all’opera e magari poi chiedere un ulteriore riscontro, per valutare il nostro percorso, mai fermo, sempre orientato al passo successivo.

Wp_Admin

Wp_Admin

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi?

Categorie

Ultimi Post

Longevity in azienda: 5 linee guida per iniziare a occuparsene
Longevity in azienda: 5 linee guida per iniziare a occuparsene

"I trend demografici riguardano sempre più le organizzazioni e la longevità è oggi al primo posto; è necessario che venga vista come una risorsa, piuttosto che come una criticità." Queste le parole di Alessandra Giordano direttore Employability e Career Development di...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A MICHELA CIMMINO

“Dopo diversi anni a lavorare sodo in una multinazionale, è come se non sapessi vederti fuori da lì, in una forma o un ruolo differente. Perciò, quando ho accolto l’esodo agevolato, ho avuto bisogno di qualcuno che sostenesse il mio percorso, un cammino durante il...

Longevità al lavoro: le 5 mosse per farne un’opportunità
Over 55 e aziende: prepararsi alla stagione dei longennials

"Con l’allungamento della vita media spesso in salute, con prospettiva di vivere anche oltre 30 anni dopo il pensionamento, ma con importi pensionistici sempre più bassi, la longevità ormai fa parte della nostra quotidianità." Così inizia l'articolo scritto da Cetti...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA AD ANDREA QUADRINI

Ha lavorato in multinazionali, aziende familiari e pubbliche, per circa 35 anni (dei quali 12 vissuti all’estero), oggi Andrea Quadrini, al suo ingresso nella sessantina, affronta una nuova fase della sua vita, quella di senior advisor in una dimensione di maggior...

OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI
OVER55, COSÌ CAMBIANO LE LEVE MOTIVAZIONALI

Motivati, ingaggiati, preparati. La motivazione al lavoro è indipendente dall’età? Sì, dicono in coro accademici e studiosi della materia. Per essere più precisi si potrebbe dire che con l’età cambia non tanto la possibilità di essere motivati, ma ciò che motiva. Così...

PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI
PERCORSI DI OUTPLACEMENT: INTERVISTA A CARLO BIANCHINI

La serenità professionale attrae opportunità Carlo Bianchini racconta il proprio percorso professionale partendo da qualcosa che lavoro non è: apre con la sua vita privata (la moglie, il figlio che studia ingegneria al Politecnico di Milano), l’importanza delle sue...

VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE
VOGLIO FARE CARRIERA. I PRIMI PASSI PER INIZIARE BENE

Carriera in ascesa: un desiderio non per tutti Il desiderio di una carriera in ascesa verticale non è obbligatorio. Partiamo da questa premessa perché non è per tutti e non lo è, soprattutto, in tutte le fasi della vita la volontà di accelerare sulla propria...